Della trazione | Luciano Giustini

Della trazione


 

golfgtpiccola.jpg

Il momento del cambio dell'auto si avvicina. Questa volta, anche a cause di alcune offerte economiche favorevoli, mi si riaffaccia l'eterno dilemma tra trazione anteriore e trazione posteriore. L'eterna lotta tra il "bene" (le trazioni anteriori sono meno potenti per il limite fisiologico di aderenza/carico, di norma il limite intrinseco si manifesta intorno ai 200 CV. Sopra questa soglia, nessuna TA riesce a scaricare a terra la potenza, ma già intorno a queste potenze, serve un bel manico per non far pattinare le ruote) e il "male" (le trazioni posteriori sono tipiche delle auto più potenti, e delle supercar. In ogni caso sopra i 200 CV è necessario avere questo tipo di trazione per quanto appena detto, o ancor meglio quella integrale).

hondacivic.jpg

Il dilemma si sta ponendo soprattutto perché, probabilmente dovrò veleggiare anche per strade innevate (o ghiacciate). Il che per una TP, pare, sia un problema.

Ora, lo so che le moderne TP hanno dispositivi elettronici che non le fanno sbandare (quando il fondo è asciutto) e le fanno invece pattinare (sulla neve, altrimenti non avanzerebbero di un mm). Ma non è un problema da poco: mi sono già trovato in autostrada in mezzo ad una bufera di neve improvvisa, di quelle che non hai neanche il tempo di fermarti e montare le catene, e con la trazione anteriore me la sono sempre cavata. Le ruote pattinano ma dosando con perizia il gas, l'auto avanza. Vedevo invece che le auto a TP si mettevano di traverso, e in quel caso l'auto non avanza. Ma è veramente così per tutte?

bmw1.jpg

Per il livello di potenza su cui mi sarei orientato io (140-170 CV) vanno bene entrambe le trazioni, in condizioni normali. Ma è difficile scegliere con la testa, più che col cuore..Ci sono alcune driver's car che sono solo trazione posteriore, ad es. le BMW, ma, come si comporterebbero in caso di strada innevata?

Consigli, opinioni, esperienze, ben accette!


Add New Comment

comments powered by Disqus
Movable Type platform comments
Chi sono in breve
Mi occupo di processi digitali sui social network (in particolare cluster digitali), e insegno in percorsi di approfondimento universitari su Web e nuovi media.
Social
+
Latest issue LGPost.com - Powered by Paper.li
Digital Clusters: How the Net is Marking Us

DigitCult

Recent Entries

Perché Anon è un piccolo capolavoro (e non è adatto per il cinema)
Dando per scontato che Netflix è una droga, nelle mie serate di preparazione a un esame mi è capitato…
Cambridge, abbiamo un problema (intrinseco)
A marzo del 2017 Michal Kosinski, uno psicologo e Ph.D di Cambridge, professore a Stanford di Organisational Behavior, presenta…
Bilancio di un anno (bello, faticoso e difficile)
✓ 1° Libro (in fase di correzione, ma ci siamo) ✓ 2ª Laurea (umanistica, la prima era tecnica)✓ 1° articolo…
La seconda laurea e l'insegnamento (da trarne)
Il 18 maggio ho conseguito la mia seconda laurea, in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria all'Università degli Studi…
Roma, o delle elezioni capitali
(post in aggiornamento) Come avevo scritto su Facebook, sto facendo una personale misurazione, senza alcuna pretesa scientifica, ma ad…

Twitter

Altri miei siti

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation