Quella ricerca di senso (dalla psicologia al coaching e ritorno) | Luciano Giustini

Quella ricerca di senso (dalla psicologia al coaching e ritorno)


 

psicologia-pnl -crescita-personale.jpg

 

"Ma per l'amor del cielo, è proprio inutile tutto quel che non ci procura un immediato guadagno? Hai ritrovato un amico dopo tanto tempo e già lo vedi come una merce"
─ Johann Wolfgang Goethe (Wilhelm Meister, gli anni dell'apprendistato, Adelphi)

 

Meridiano dello stomaco

Avevo sentito questo termine da un conferenziere famoso, Igor Sibaldi. Mi aveva colpito una frase: "Se a una persona togli un dolore al ginocchio, magari puoi fargli peggio; metti che ha un problema col meridiano dello stomaco e gli sale a livello gastrico". Questa parola fa scattare subito la mia attenzione. Così ho cercato qualche riferimento web, e ho trovato una pagina interessante dove spiega cos'è questo meridiano e quali problemi può causare. Ma dopo aver letto, la biografia della persona che scriveva questo sito mi ha lasciato qualche dubbio.. E anche alcune persone, con cui sono entrato in contatto in quest'ultimo periodo, hanno questa cosa in comune: credono in qualcosa che va oltre le mie conoscenze "medie". Così ho cercato di capirne di più.

*    *    *

Da alcuni anni si stanno sviluppando tutta una serie di figure professionali - ben consce che la ricerca di senso e di significato è alla base dell'agire umano - che affrontano il problema della motivazione da una prospettiva in qualche modo diversa. Sono spesso psicologi, che spostano il discorso dalla ricerca di senso alla ricerca di una metodologia efficace, a volte breve, a volte più lunga, orientata agli obiettivi e specializzata nei differenti ambiti professionali e aziendali. Alla base di questo filone di pensiero c'è una constatazione, ovvero che il cognitivismo classico (psicologico), che per tanti anni ha accompagnato la ricerca dei "perché" nell'analisi personale, analizzandone la storia, il vissuto emotivo, il contesto famigliare, l'attaccamento e tutto quello che ha caratterizzato il passato della persona, spesso non risolve l'eventuale problema (o i problemi). La persona riesce ad avere un quadro del proprio passato, gli eventuali conflitti interiori, le problematiche cognitive, ma non cambia il loro modello, non si trasforma, non modifica il comportamento. In altre parole, forse capisce e afferra qualcosa in più del proprio Sè (e questo non è certo poco) ma non modifica il suo agire, o non lo modifica abbastanza. Capire non porta automaticamente a cambiare, perché spesso questo processo, seppur necessario, non è sufficiente.

Il processo del cambiamento

In alcuni contesti si è quindi cercato di spostare l'attenzione su obiettivi definiti e caratterizzati da connotati specifici: raggiungibili, realistici, scalabili, e con un'attenzione specifica sul mondo emotivo-relazionale, con l'intento di indirizzare la persona su un cambiamento effettivo, e sui risultati, comprendendo quale passato abbia generato i traumi o i disturbi ma senza conferirgli un tratto bloccante: se ci sono dei blocchi e delle narrazioni, non è importante solo analizzarle e capirle (rischiando spesso anche di giudicarle ed etichettarle), quanto di averne coscienza ma per guardare avanti e gettarseli dietro le spalle.

La ricerca del modello di causa-effetto della psicoterapia cognitivo.comportamentale approfondisce l'aspetto del perché agiamo (in un certo modo). La domanda è: sapere perché si ripete uno stesso comportamento che si ritiene in errore, cambia il comportamento, risolve il problema? Molto spesso no, appunto. E allora si arriva a un nuovo approccio, che tende non tanto a far salire a livello cosciente tutti le motivazioni che hanno portato al problema, ma capirlo e insieme risolverlo il prima possibile affrontando subito concretamente le soluzioni: le soluzioni sono parte del problema.

E il cardine di questa metodologia si basa su due elementi: uno è il fare, inteso come l'agire individuando degli obiettivi precisi, non fermandosi a ragionare sul proprio Sé ma "ribaltando l'esperienza": agire in direzioni nuove e diverse fin da subito affrontando una sfida che può essere piccola o grande. L'altro è il poter essere efficaci: l'efficacia (e in parte l'efficienza, anche se questo termine non mi piace) conta, perché con la metodologia e l'azione si possono superare molte debolezze, limitazioni e soprattutto, trovando un senso dato dall'agire, dal porsi un obiettivo efficace nel proprio contesto esistenziale. Il senso di quello che si fa arriverà nell'agito, non prima. L'azione conferisce sviluppo alla motivazione stessa e alla comprensione e non viceversa, come spesso avviene nella psicoterapia classica. La differenza è nella metodologia, nell'approccio e nella sequenza di affiancamento (che sia coaching, counseling o psicologica).

È interessante notare che è difficile per chi ha una formazione tecnica credere totalmente in questo approccio, sapendo che la motivazione interiore è quella molla fondamentale che ci spinge verso l'azione molto più di quanto l'azione stessa potrà mai ottenere, anche se soddisfacente e perfezionata. Ma questo è anche un limite, che può essere culturale e legato proprio alla visione di una realtà circostante troppo polarizzata, in "bianco e nero".

Chi è appassionato e segue queste metodologie ─ e ne ho conosciuti alcuni in questi anni ─ confida molto in esse perché applicandole con perizia, e mettendole in pratica si è visto che ottenengono risultati.  L'approccio forse più famoso è quello della terapia breve strategica, portata in Italia da Giorgio Nardone sulla base delle intuizioni di Paul Watzlawick (Scuola di Palo Alto); in ambito internazionale non è la sola. Sono nati molti corsi, sulla scia del successo di questo metodo nel mondo anglosassone che cercano di armonizzarlo con il nostro ambito europeo (costantemente alla ricerca di senso).

Uno dei guru affini a queste scuole di pensiero, che ha per mantra l'efficienza, è senza dubbio David Allen con il suo il metodo GTD (Getting things done), su cui ha clostruito un impero fatto di consulenze, di libri e di talk su TED. Ho comprato il suo libro, sono iscritto alla sua newsletter, e sono un suo fan anche solo per l'energia che infonde per cercare di rendere migliore la vita degli altri. Tuttavia, non ho trovato cose che non avessi già in qualche modo individuato io stesso per risolvere i piccoli grandi problemi dell'organizzazione personale (ma io sono un ingegnere, e questo forse influenza la mia situazione efficientista).

*    *    *

La crescita personale tra sfide e vaghezza

Parallelamente, a partire da questi nuovi approcci si sono innestate le numerose e variegate scuole di coaching, counseling e mentorship che sono ormai una realtà consolidata, diffusasi in Italia e in Europa e suddivisibili, grossolanamente, tra life coach per lo sviluppo personale, coaching aziendale, interessante per la molteplicità di competenze coinvolte, e per estensione i "qualcosa-coaching" declinati in varie salse (business coaching, mental coaching, ecc.). E qui si entra, a volte, in un campo meno rigoroso o quantomeno sperimentale.

In certi casi bisogna anche fare dei distinguo. La terminologia nata in questo ambito è davvero ricca: si va dal neuromarketing allo "yoga della risata", dalla crescita evolutiva alla classica PNL (Programmazione neuro linguistica), dalla neurosemantica alla famigerata quanto vituperata (perché sostanzialmente inesistente) legge dell'attrazione, passando per il performance coach, il metodo RQI, l'enneagramma e via via per una pletora di neoparole e termini esoterici. In tutti questi percorsi si affronta il "segreto dello star bene", cioè la famosa crescita personale (non farò nomi, basta cercare per trovare centinaia di siti e di corsi sull'argomento). Questa corrente di pensiero ha davvero molti sentieri diversi e alcuni sono piuttosto dubbi: il famoso mantra del pensa positivo, e attirerai energia positiva (spesso accompagnato da una sciocchezza come "è la fisica quantistica che lo conferma"), così come il "siamo tutti uno/siamo una cosa sola con l'universo" credo siano tra quest'ultimi. Ma, come dicevo, l'offerta è molto ampia e le terminologie di sprecano, così possiamo tentare di inquadrare meglio il fenomeno.

A parte i costi, molto differenti, ci sono alcune caratteristiche in questo ambito:

  • La parola d'ordine è miglioramento personale. Non più o non solo i pilastri della psicoterapia "classica" (capirsi, conoscersi, accettarsi, e così via a seconda della scuola di pensiero - e ce ne sono 25, più 45 modelli psicodinamici), ma evolversi verso un livello superiore con il raggiungimento di maggiore comprensione emotiva, cognitiva, e wellness, attraverso una serie di strumenti utili all'obiettivo.
  • Sul Web e i social network c'è un fiorire di iniziative del genere e ognuno sgomita per avere un posto al sole in questo ambito in crescita, anche se i nomi che hanno "sfondato" sono pochi. Sono perlopiù formatori professionisti, psicologi, ex sportivi, o persone che per qualche motivo hanno avuto successo nella vita, hanno imparato a comunicarlo bene e si sentono pronte a spiegarlo per ottenere risultati comparabili, in genere con una cultura multidisciplinare.
  • Molti personaggi (non la maggior parte, per fortuna) di questo settore manifestano ancora purtroppo una spiccata sensibilità alla critica. Forse l'ego è ipertrofico o qualche problema di riconoscimento sussiste ancora, ma diciamo che - secondo me - è anche la convinzione di aver raggiunto un livello superiore che porta a giudicare ogni critica come gravemente offensiva (niente di nuovo, per carità, ma almeno uno psicologo o uno psichiatra questi aspetti sanno gestirli)
  • Continuità e metodo. Facendo piccoli sforzi ma con continuità e metodo, si ottengono grandi risultati. Questo potrebbe essere anche un po' il segreto di molti corsi che ho visto. Non certo una novità, ma il lavoro personale, declinato su una condivisione sulle piattaforme online oltre alle attività in presenza, e con l'aiuto di un coach, forse può fare la differenza. Si va dalla postura, alla respirazione, al movimento, all'atteggiamento mentale (il Mindset del buon vecchio Martin Seligman), alla gratificazione e la gratitudine, e un po' alla volta si raggiunge (o si riconquista) la desiderata crescita personale. Spesso migliaia di commenti di persone entusiaste e grate confermano che la cosa, almeno apparentemente, funziona: si sentono migliorate, si sentono più efficienti, più consapevoli. E probabilmente lo sono.

Concludendo

C'è sicuramente molto marketing in questo approccio, ma anche teorie, convinzioni, paradigmi e approcci innovativi da non sottovalutare. Interessanti sotto diversi punti di vista, alcuni approcci soffrono in alcuni casi di un'efficacia non dimostrata, ma vale la pena approfondire e individuare le professionalità che in questo settore si stanno diffondendo. Spesso, cosa non secondaria, counselor e coach, con una preparazione adeguata, sono anche le prime frontiere per individuare problemi psichici (più o meno importanti) della persona, non riscontrati dall'ambiente famigliare o nel contesto sociale e lavorativo, e da questo eventualmente indirizzarli verso uno specialista che abbia le competenze e gli strumenti per affrontare eventuali psicopatologie...


Add New Comment

comments powered by Disqus
Movable Type platform comments
Chi sono in breve
Mi occupo di processi digitali sui social network (in particolare Digital clusters), e insegno in percorsi di approfondimento universitari su Web e nuovi media.
Social
+
Latest issue LGPost.com - Powered by Paper.li
Digital Clusters: How the Net is Marking Us

DigitCult

Recent Entries

Perché Anon è un piccolo capolavoro (e non è adatto per il cinema)
Dando per scontato che Netflix è una droga, nelle mie serate di preparazione a un esame mi è capitato…
Cambridge, abbiamo un problema (intrinseco)
A marzo del 2017 Michal Kosinski, uno psicologo e Ph.D di Cambridge, professore a Stanford di Organisational Behavior, presenta…
Bilancio di un anno (bello, faticoso e difficile)
✓ 1° Libro (in fase di correzione, ma ci siamo) ✓ 2ª Laurea (umanistica, la prima era tecnica)✓ 1° articolo…
La seconda laurea e l'insegnamento (da trarne)
Il 18 maggio ho conseguito la mia seconda laurea, in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria all'Università degli Studi…
Roma, o delle elezioni capitali
(post in aggiornamento) Come avevo scritto su Facebook, sto facendo una personale misurazione, senza alcuna pretesa scientifica, ma ad…

Twitter

Altri miei siti

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation