Un proclama telematico annunciò l'11 marzo

Un proclama telematico annunciò l'11 marzo


 

(fonte: Corriere della Sera.it)

I siti Internet dove Hamas e Osama pubblicano proclami

Un proclama telematico annunciò l'11 marzo

Nei messaggi sul web c'è il filo che lega le vittime di Madrid con i diplomatici spagnoli uccisi a Bagdad

di MAGDI ALLAM

Le vie del terrorismo globalizzato transitano, s'incontrano, si alleano e si coniugano in Internet. Basta viaggiare nei siti islamici per fare delle scoperte. Interessanti. Come l'uso, martedì scorso, dello stesso sito http://groups.yahoo.com/group/islamicmedia sia da parte di Hamas che di Al Qaeda per commemorare l'assassinio dello sceicco Yassin. O anche clamorose. Come la diffusione, lo scorso dicembre, tramite lo stesso sito http://aa.1asphost.com/iraq/book.doc , di due messaggi di Al Qaeda e della sedicente Resistenza irachena, che lasciavano entrambi presagire un prossimo attentato in grande stile contro la Spagna.

Questo sodalizio telematico del terrore va ben oltre la semplice condivisione di uno strumento informativo e di una politica propagandistica. Di fatto consacra una collaborazione pratica nell'attività terroristica all'insegna della comune battaglia contro gli Stati Uniti e Israele. E delinea chiaramente la volontà di globalizzare il più possibile la rete mondiale del terrorismo coinvolgendo tutte le forze estremiste che, al di là del colore della propria ideologia, credono nell'antiamericanismo e nell'antiebraismo. In quest'ambito l'Europa si presenta come la roccaforte del nuovo terrorismo globalizzato.

Con il senno del poi la strage di Madrid dell'11 marzo scorso emerge come il battesimo di sangue della nuova strategia del terrorismo globalizzato. Nel «Messaggio al popolo spagnolo», diffuso dalla sedicente Resistenza irachena lo scorso 3 dicembre, si formula questa esplicita e circostanziata minaccia: «Se la scena delle sette spie non è stata sufficiente ad accendere i vostri sentimenti e a indurvi a salvare i vostri figli, ci spingeremo oltre ed accresceremo la nostra resistenza. I battaglioni della resistenza irachena e i loro sostenitori all'estero sono in grado di aumentare il dosaggio. E vi faranno dimenticare la sorte delle spie». Si tratta dei sette agenti dei servizi segreti spagnoli barbaramente trucidati lo scorso 29 novembre a Swaira, 45 km a sud di Bagdad. Ebbene quell'attentato è stato rivendicato da Ansar al Sunna, una sigla che è subentrata a Ansar al Islam, il gruppo terroristico curdo-sunnita legato a Al Qaeda.

Significativo è l'uso in un comunicato di stampo laico del termine islamico al ansar, per indicare i «sostenitori all'estero». Al ansar erano le tribù arabe di Medina che si schierarono al fianco del profeta Mohammad (Maometto) dopo la sua fuga dalla città natale della Mecca nel 622. Da qui il significato di «partigiano» e «sostenitore». I nuovi al ansar sono probabilmente i sospetti terroristi autori della strage di Madrid.
Sempre nel «Messaggio al popolo spagnolo» si legge: «Se il popolo spagnolo vuole salvare il sangue dei suoi figli, deve ritirarli dall'Iraq ora che sono vivi, prima che noi li rimandiamo cadaveri alle loro famiglie». E ancora: «Consideriamo chiunque aiuti gli americani un nostro nemico. Giudichiamo il governo spagnolo responsabile per la morte di ogni membro delle sue forze, dentro e fuori l'Iraq». La prospettiva di un attentato all'estero è sottolineata anche in un successivo passaggio: «Sarete responsabili di ciò che vi accadrà nella regione e in tutto il mondo. E' tempo che ognuno si assuma le sue responsabilità».

(segue)


Add New Comment

comments powered by Disqus

2 Comments

Da quando Allam viene considerato il massimo conoscitore di cose arabe, si può permettere di scrivere qualsiasi stronzata. Segnalo questo intervento illuminante del solito Pfaall:

http://www.pfaall.com/it/arch/000643.html

effettivamente, sembra anche a me :)

Movable Type platform comments
Benvenuto 54.227.125.200!
Laureato in ingegneria informatica e laureando in Scienze dell'Informazione e Comunicazione (LM-19), mi occupo di nuovi media e di gestione della conoscenza. Ho fondato “Beta”, “IT News” e diversi progetti e guide. Ho insegnato nel Master in Comunicazione e New media all'Upra, e sono stato technology visionary per TEDx ViadellaConciliazione. Attualmente faccio consulenza, formazione e sviluppo con LGStudio e sono cofondatore del laboratorio culturale politico Persona è futuro.
contact Contattami o seguimi su Twitter @lucianog
Social
Google+ Slideshare Foursquare Wordpress.com Tumblr.com Quora   (more)
Follow me


(invio ogni due mesi circa dei titoli degli articoli pubblicati)

Recent Entries

Papa Francesco e i suoi binari comunicativi tra innovazione ed equilibrio
Di fronte alle continue critiche rivolte da alcuni miei amici "cattolici" (o gattolici come si evince da una peculiare…
Ma a me 'Siam pronti alla vita' è piaciuto
Il primo maggio si è inaugurato, tra ritardi e difficoltà ma comunque in tempo, l'Expo di Milano. Presente il…
Buona la seconda (Laurea)
My entire life can be summed up in one sentence: things didn't go according to plan. ─ anonymous  …
Con la Kadjar, anche Renault entra nel mid-SUV "fashion"
La Renault ha presentato il suo Suv medio: bello e ben figurante, nei rapporti dimensionali ricorda chiaramente la cugina…
Mindfulness, un'infografica utile e rapida
La Mindfulness, contrariamente ad altre metodologie di non sempre certa utilità (ne parlavo ad esempio nel post sulla Ricerca di…

Progetti

Twitter

Altri miei blog

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Select - rassegna stampa
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation