Knowledge blog, o della conoscenza | Luciano Giustini

Knowledge blog, o della conoscenza


 


I weblog sono nati per comunicare, per informare, e per condividere: tre caratteristiche che li rendono ottimi per l'ambiente aziendale e scientifico.


Ora che il fenomeno dei blog ha superato la massa critica e si avvia verso una fase di consolidamento, alcuni si chiedono quali istanze di cambiamento possono portare, i blog,  nella funzione di Internet da un punto di vista aziendale e scientifico. Una possibile risposta a questa domanda può venire dai "k-blog" (o "k-log") cioè "knowledge blog", una forma di blog orientati all'azienda e, in parte, alla comunità scientifica. I k-blog sono destinati alla formazione, appunto, della conoscenza. Detto così può sembrare altisonante, ma in realtà essi nascono sotto la grande famiglia del Knowledge Management, il settore professionale che si occupa, letteralmente, della gestione della conoscenza, ovvero di quell'insieme di processi che vanno dalla raccolta di dati e informazioni alla loro classificazione ed integrazione, ed alla loro distribuzione in modo coerente.

Il problema della gestione delle informazioni, sia per quanto riguarda l'ambiente interno all'azienda - i dipendenti - sia quello esterno - i fornitori, finora è stato risolto prevalentemente con l'utilizzo delle e-mail, in genere appesantite con allegati da inviare da una parte all'altra della rete aziendale oppure organizzate in mailing list o digest curati da persone che si occupano di uno stesso problema. Quando lo scambio di e-mail su un argomento si fa troppo massiccio, la palla in genere passa alla Intranet, il totem aziendale che - almeno in teoria - serve ad organizzare i dati ed a facilitarne la consultazione. Ma non sempre è così: l'esperienza condivisa da molti dipendenti si riassume nel "girovagare" per l'Intranet alla continua ricerca di questo o quel documento, o di quel messaggio con i chiarimenti che, tipicamente, il progettista capo ha deciso di inserire nel settore più annidato della rete. Il tutto si conclude inesorabilmente con la "riunione" nella quale si mettono sul tappeto tutti i problemi inerenti uno o più aspetti. Alla riunione in genere non possono partecipare tutti, a causa di motivi geografici od organizzativi, il che si traduce in una struttura decisionale che, probabilmente, è sì in grado di procedere, ma nella quale mancano due categorie importanti: l'allineamento, e la condivisione. L'allineamento è determinante nell'ambito di progetti e nei gruppi di lavoro nei quali più persone devono sapere, con ragionevole precisione, a che punto si trova il lavoro degli altri e come varia, e se varia, la strategia dell'azienda su un dato aspetto. Se non c'è allineamento, è possibile andare avanti lo stesso benissimo, ma bisogna di volta in volta ricalibrare "a mano" le conoscenza degli interessati e dei tecnici che lavorano su uno stesso progetto, in genere tramite gli strumenti informatici già noti: Intranet ed e-mail, come detto, o fisici, come le riunioni. Il che comporta una spesa di tempo, e sovente impedisce che il comparto avanzi "come un sol uomo", nell'ottica aziendale.

Il problema della condivisione

Un tipo di problema irrisolto dall'approccio "classico" è che solo una parte delle persone coinvolte in un determinato progetto o ricerca visita regolarmente la Intranet, e consulta i documenti aggiornati. Inoltre, i settori di un'azienda o di un progetto di ricerca spesso non "dialogano" tra loro, rendendo meno efficace la disponibilità di dati e di informazioni che, in qualche modo, finiscono per non essere mai confrontate tra loro.

Quasi mai, infine, uno o entrambi di questi strumenti consentono di "catturare" la conoscenza insita nelle informazioni e nelle opinioni che ognuno dei soggetti interessati ha sugli argomenti di interesse.

In altre parole il problema è nella condivisione della conoscenza. E qui i weblog sono venuti in aiuto: sembrano una soluzione perfetta. In effetti l'approccio garantito da un blog, applicato ad un contesto aziendale o di ricerca, consente di condividere i dati e le informazioni, e a questo punto anche le opinioni, in modo coerente. Il weblog si apre su un determinato progetto, o per un gruppo di lavoro, ed i singoli interventi sono organizzati cronologicamente, in automatico. I dati sono disponibili subito in modo orizzontale, e il "flusso" di messaggi è pubblico, in modo da facilitare ed invogliare la lettura e la condivisione da parte di tutti, mentre la scrittura, a differenza dei weblog personali, è affidata a tutte le persone che partecipano a quel progetto.

L'approccio "intelligente"

Per capire a fondo i k-blog in maniera affine al tema "conoscitivo" che stiamo percorrendo, però, dobbiamo fare una piccola digressione, in particolare sull'"intelligenza collettiva" teorizzata da Pierre Lévy.

Qui infatti scopriamo, e forse già lo sapevamo, che le nuove tecnologie di comunicazione aprono prospettive e possibilità molto interessanti da un punto di vista sociale, culturale e politico, anche se a volte meno gradite da un punto di vista del controllo. Un esempio positivo ci è dato dall'informazione: tutti abbiamo sperimentato quanto ci appaia libera su Internet, dove ci sono molti siti in cui il flusso informativo è "condiviso". Scopriamo cioè che le idee complementari si possono incontrare e confrontare fino a formare un'intelligenza reticolare, non semplicemente basata su un atto operativo ad esempio di giornalismo, o di tecnologia.

Torniamo all'approccio aziendale. Appare chiaro che, laddove all'interno dell'azienda non sia ritenuto vantaggioso condividere le informazioni in un modo "aperto", magari per la tipologia di progettazione svolta, o per la mentalità aziendale che vuole sempre e comunque i manager "infallibili" (cfr. Paolo Valdemarin), i k-blog non sono probabilmente visti come la soluzione migliore, perché sono in grado di alterare la struttura di controllo delle informazioni, nonchè dei ruoli. Il "problema", come dire, è sentito soprattutto in Italia. A mio avviso, una tale impostazione può essere rivista: ci sono vari gradi di condivisione, e gli strumenti attuali  consentono di creare k-blog ristretti a gruppi di lavoro o di utenti. Inoltre, possono essere definiti relativamente ad un argomento e non all'intera azienda. Ciò che impariamo dal contesto scientifico e universitario, dove il problema della suddivisione dei "ruoli" riveste minore importanza rispetto ai valori di competenza e creatività, è che la condivisione genera valore. In effetti, i k-blog sono quanto di meglio si possa sperare nell'attività lavorativa di questa categoria almeno quanto quella del contesto progettuale.

Conclusioni

Abbiamo visto cos'è un k-blog, le sue caratteristiche: struttura, collaborazione, complementazione e condivisione. I k-blog sono i blog in cui, una volta strutturati a dovere, le conoscenze delle persone che li consultano e li scrivono si complementano fino a creare nuova conoscenza. Bisogna tenere a mente il focus del blog, che è aziendale o scientifico.  Attenzione al fatto che la confusione con i forum è sempre in agguato. In un blog, e in un k-blog, permane una gerarchia tra chi scrive e chi commenta molto diversa di quella tra chi inizia un thread e chi risponde. Un k-blog non dovrebbe essere orientato al confronto, ma è utile soprattutto per diffondere informazioni e opinioni, e per mantenere un proficuo allineamento tra chi segue uno stesso progetto o strategia. Un forum, invece, è più utile per discutere qualcosa che per venirne a conoscenza.

Abbiamo accennato alle barriere di tipo sociologico o ..culturale che sono una presenza talvolta ingombrante, ma da affrontare con serenità e buon senso: se ad esempio il dipendente non vuole esporre il proprio metodo di lavoro nel k-blog perché ha timore che qualcuno lo "sostituisca" dopo, non è il caso di insistere, perché in ogni caso non c'è necessità di condividere tutti i trucchi del mestiere: lo scopo del k-blog è sì la conoscenza, ma nel rispetto delle peculiarità di tutti.

Cosa non è un k-blog: non è "racconto", ad esempio, e si differenzia nettamente dai blog personali. Raccontare un'esperienza di vita aziendale può essere gratificante, ma inopportuno in un k-blog. Meglio il blog personale, tenendo a mente che se dovete parlar male del vostro capo, almeno non fatelo in orario di ufficio!

Per approfondire

Per approfondire il tema dei k-blog, consiglio una visita a Blogroots, che se ne occupa in modo diffuso nel capitolo 8 "Using Blogs in Business"

Per i gruppi di discussione sui k-blog, il posto da cui partire è sicuramente la mailing list klog attivata su Yahoo! 

In Italia, due dei blogger che han più contribuito al dibattito sui weblog e sui k-blog sono rispettivamente quelli di Giuseppe Granieri, e di Paolo Valdemarin, quest'ultimo in particolare su Articolo K-logs.

Un blog "paletto" per capire il mondo dei blog e delle proposte che ci girano intorno è Merzlog di Gino Roncaglia, docente all'Università della Tuscia (Viterbo) ed esperto di ipertesti e strumenti di comunicazione.

Infine, nel blog dell'autore è dedicata una sezione sul presente articolo.



Strumenti per i k-blog (e non solo)

Sebbene le piattaforme per i weblog abbiano ormai superato di slancio la dozzina, quelle che consentono un'efficace gestione di utenti, gruppi di lavoro e...conoscenza sono poche, e quasi tutte appartenenti alla categoria dei software installabili. La ragione è ovvia: quasi sempre un k-blog andrà ad inserirsi nella Intranet aziendale, ed in tale ambito l'amministratore vorrà avere il maggiore controllo possibile sul software che gira. Le più diffuse piattaforme weblog usate in ambito aziendale sono perciò la coppia Manila/Radio UserLand e Movable Type, due software ormai utilizzati con profitto da migliaia di blogger e di gruppi di discussione in tutto il mondo. La loro complessità è pari alla comprovata robustezza ed alle possibilità di configurazione che sono molto estese.

Per chi, invece, vuol far da sè, un'ottima alternativa è costituita da Slashcode, il codice sorgente e database che è stato utilizzato originariamente per creare Slashdot.org. Recentemente è stato rilasciato sotto licenza GNU, ed unisce le caratteristiche di robustezza ed efficienza al supporto esteso.

Ma anche l'apprezzato Drupal è tra i contendenti, da alcuni è considerato un'ottima piattaforma proprio per il k-blog ed è anch'esso opensource

Lato client, invece, la piattaforma più diffusa è, e rimane, Blogger, recentemente acquistato da Google, che però sconta una metodologia di condivisione poco sofisticata, dedicata evidentemente ai blog personali più che a quelli aziendali. E' comunque un ottimo strumento per iniziare, ed è relativamente semplice da utilizzare, il che può rivelarsi un vantaggio in quelle realtà aziendali nelle quali i dipendenti non hanno nessuna familiarità con i weblog. Esiste per la verità anche una versione aziendale di Blogger, chiamata "Enterprise Blogger", che però è stata diffusa solamente in alcune aziende (tra cui Cisco) e non ancora resa pubblica.

 

Articolo pubblicato sulla rivista Internet News N.12/03

Add New Comment

comments powered by Disqus
Movable Type platform comments
Benvenuto 54.159.209.32!
Laureato in Ingegneria informatica e in Scienze dell'Informazione e Comunicazione (LM-19), mi occupo di nuovi media e di gestione della conoscenza. Ho fondato “Beta”, “IT News” e diversi progetti e guide. Insegno all'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum, nel Master in Comunicazione e New media ed in Corsi di perfezionamento, e sono stato technology visionary per TEDxVDC. Faccio consulenza con LGStudio.
Contattami o seguimi su Twitter @lucianog!
Social
Google+ Slideshare Foursquare Wordpress.com Tumblr.com Quora   (more)

Powered by MailChimp - Articles and didactic news.

 

Recent Entries

Roma, o delle elezioni capitali
(post in aggiornamento) Come avevo scritto su Facebook, sto facendo una personale misurazione, senza alcuna pretesa scientifica, ma ad…
Qualcosa sull'automobile: dal diesel(gate), alle alternative a idrogeno ed elettrico
(Il post è stato aggiornato dopo la pubblicazione) (foto: l'algido ed inetto - dal punto di vista comunicativo -…
L'incontro tra due Grandi della storia
L'incontro tra due Grandi, due rivoluzionari, ognuno a suo modo. In questi anni di trasformazione (per me) ho capito che…
Papa Francesco e i suoi binari comunicativi tra innovazione ed equilibrio
Di fronte alle continue critiche rivolte da alcuni miei amici "cattolici" (o gattolici come si evince da una peculiare…
Ma a me 'Siam pronti alla vita' è piaciuto
Il primo maggio si è inaugurato, tra ritardi e difficoltà ma comunque in tempo, l'Expo di Milano. Presente il…

Twitter

Progetti

Altri miei blog

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation