Orkut, arrivut

Orkut, arrivut


 

Ringrazio quelli che mi hanno invitato su LinkedIn (tanto sono tutti blogger), e nonostante avessi appena finito di stendere una scheda decente, anche per Orkut: ho potuto apprezzare entrambi gli strumenti.

Dopo una titubanza iniziale, dovuta forsa ad un sovraccarico di esperienza su questi settori di internet, ho approfondito e apprezzato, appunto. La mia dubbiosità era legata più che altro al fatto che servizi di questo tipo (specialmente nel caso di Orkut) ci sono già, e in genere stanno lì per favorire "relazioni" (per lo più sentimentali), per capirci, cose tipo Meetic. (tra l'altro, con una piccola differenza: su questi prima ti iscrivi e poi, se vuoi conoscere, paghi).

Ma non è una questione di soldi che, a mio parere, fa preferire una soluzione piuttosto che un'altra: anche Orkut, ovviamente, avrà sviluppato un modello di business che al momento opportuno uscirà fuori (altrimenti in Google sono benefattori e vabbè..) e lo stesso presumo avviene per LinkedIn.

E' lo stile.

Per le relazioni, io preferisco una "scuola" nella quale i comportamenti non sono massizzati, commercialmente, sociologicamente, ma dove l'incontro migliore è ancora l'incontro "casuale", "individuale", basato sulla stima e l'empatia, sulla professionalità e sugli obiettivi comuni, non obbligato da situazioni nè da eventi combinati. Che poi, magari ogni incontro casualissimo non sia, fa niente..., l'importante è capirci.

Sulla rete sono nati come funghi, invece, servizi che hanno la pretesa di pilotare lucidamente le relazioni (professionali, sociali, virtuali, reali e quant'altro), di "mettere insieme" le comunità di persone.
Intendiamoci, non li trovo servizi inutili, giacché talvolta i risultati sono apprezzabili e anche commercialmente lusinghieri, e peraltro non sono neanche novità assolute.
Eppure, nel caso di relazioni non del tutto professionali (per intenderci: non un marketplace) li trovo ineleganti, parziali, in fin dei conti limitati e forse limitanti. Il perché lo lascio spiegare a qualcuno che di sociologia se ne intende più di me, ma il senso è questo.
Il grande successo dei blog, per esempio, forse si spiega così: relazioni di persone che prendono vita autonomamente, senza nessuno che le "piloti" dall'alto, dal basso, da sinistra o da destra. Ma non divaghiamo..dicevo dei servizi di community che mi piacciono poco.

I servizi come LinkedIn e Orkut, invece, mi sono piaciuti. Ecco, forse l'unico cruccio che ho avuto, è che non ci abbia pensato qualcuno dalle nostre parti, ché l'inventiva in effetti non ci manca. Ma vabbè...

In sostanza, si tratta di database di profili implementati attraverso una rete scale-free (su Blogcafé avevo scritto qualcosa al proposito), cioè una rete liberamente composta dove gli "hub", ovvero oggetti concentratori, sviluppano le connessioni tra sottinsiemi disconnessi, rendendo possibile la formazione di una più generale rete di collegamenti variabili (tra 1 e n gradi, con n <= 3) e con alcune idee alla base a volte intelligenti, a volte furbe, a volte semplicemente logiche.

Mi è piaciuto lo stile, dicevo: non eccesssivamente invasivo, ma anzi quasi riservato, sobrio, eppure completo, aperto, e funzionale. Tanto LinkedIn è orientato all'aspetto "professionale" tanto Orkut invece a quello più squisitamente personale, ma i due settori spesso e volentieri si incrociano, e quindi, forse, è inutile parlare di distinzioni nette. In ogni caso, ci sono delle differenza implementative non banali, di cui dirò dopo.

Per i non iniziati come me e Pesce Vivo :), spiegare di cosa si tratta, sempre che abbia afferrèto il concetto, è forse un'utopia, quindi per ora mi fermo qui nella "teoria" e accenno solo al funzionamento. Un funzionamento senza dubbio favorito dal mezzo telematico, che qui si basa sul più classico "invito": qualcuno vi deve invitare, preferibilmente, per entrare in Linkedin o Orkut. Non a caso, i primi inviti li ho sempre ricevuti da Giuseppe Granieri, al quale il metodo piace molto ;-)

Una volta invitati, si entra nel sistema, e il gioco a quel punto si svela nella sua iniziale semplicità (ma, attenzione, non banalità): bisogna compilare la propria scheda, con attenzione, ed è fatta! Nel "profilo" ci sarà la nostra vita professionale, personale, e così via, limitatatamente a quello che noi vogliamo far sapere. I profili (correggetemi se sbaglio) non sono visibili a tutti, e qui il gioco diventa interessante, infatti non c'è una url esterna del profilo, ma questa è visibile solamente alle categorie di persone "trusted friends", cioè amici fidati. Gli amici sono il nostro network di conoscenze, e possiamo allargare questo network attraverso inviti da rivolgere ad altri amici che lo frequentano, ad amici che non lo frequentano, agli "hub", cioè persone con tante conoscenze che ci interessano che ci collegano automaticamente alle altre, o ricevendo, ovviamente, altri inviti da terzi.

Differenze tra Linkedin e Orkut: a parte la citata orientazione più personale di Orkut, quest'ultimo rende anche disponibili alcuni strumenti peculiari, per così dire: si può diventare "fan" di qualcuno, o dimostrare il proprio apprezzamento in termini di professionalità, dinamicità, simpatia, (vado a memoria), e sex-appeal. Questi apprezzamenti compariranno nel profilo della persona individuata. I vari pezzi del gioco sembrano ben congeniati: ad esempio, gli apprezzamenti sono anonimi, ma i profili di trusted friends no (o almeno mi sembra: mentire dovrebbe essere difficile).
Infine, si può appartenere a nessuna, una o più community inter-network. Aprirne una è facilissimo: io ad esempio ho creato la community Romani de Roma....se qualcuno è interessato...:)
Insomma, si consolidano e si creano amicizie in modo chiaro e pulito. Il tutto utilizzando lo strumento telematico e, nel caso di LinkedIn, mostrando le proprie professionalità, senza barare e senza celarsi dietro nomignoli di dubbio gusto.
Cosa chiedere di più? Ci penso e poi ve lo dico...


Add New Comment

comments powered by Disqus

7 Comments

E se non ce la fai tu, che possiamo dire noi che ancora non abbiamo capito i feed rss, i movable type, eccetera eccetera....Siamo nelle tue mani, Luciano, facci capire, dacci una mano! Grazie!

Ciao! Eccomi, ho dato un'occhiata e mi piace. Adesso rivedo il post così lo rendo comprensibile (spero), magari aggiungendo qualche spiegazione! :)

capire il funzionamento di Orkut o Linkedin è molto più intuitivo che comprendere strumenti "mediati" come i feed RSS (che richiedono l'uso di software dedicati) o i trackback.
provare è il modo più semplice di capirli, e ci si arriva subito.
il problema semmai, almeno per me, è non restare impantanati nelle community di Orkut che, come tutte le community che nascono spontaneamente dal basso, danno dipendenza.

ah, dimenticavo: bel post. equilibrato e condivisibile. ti ho "spurlato" sul mio blog.
(oddio, un altro strumento misterioso: cosa sono ora Spurl e Furl? ;-)

Insomma stanno tutti impazzendo per queste community.
vedrò di impazzire quanto prima anch'io. :-)
Omar

Grazie Luciano! Ora è molto più chiaro...Mi viene l'idea di aprire una community per quelli-che-fanno-sempre-da-tappezzeria. Sarà che sembro proprio una bacchettona, e così non mi si fila nessuno. Eppure, pensa che tutti i miei passati fidanzati yuppies avevano il fondato timore che potessi mollarli da un momento all'altro con un artista da circo...

Movable Type platform comments
Benvenuto 54.205.189.156!
Sono un ingegnere informatico, ho insegnato nel Master in Comunicazione e new media all'Upra, e faccio consulenza e sviluppo con LGStudio. Ho fondato Beta e ITnews, scritto diverse guide (come si apre un blog, Facebook, ecc.), e sono stato technology visionary per TEDx ViadellaConciliazione.
contact Contattami o seguimi su Twitter @lucianog
Social
Google+ Slideshare Foursquare Wordpress.com Tumblr.com Quora   (more)
Follow me

Recent Entries

Come va? (140 risposte possibili)
"Come va?" 1. Icaro: "Uno schianto"2. Proserpina: "Mi sento giù"3. Prometeo: "Mi rode..."4. Teseo: "Finché mi danno corda..."5. Edipo:…
Dieci anni fa, papà
Sono passati dieci anni da quando te ne sei andato, papà. Tutto sommato, non moltissime cose sono cambiate da…
FCA è bellissimo. Anche perché non lo vedrà nessuno
Allora. Lungi da me difendere la Fiat. E l'excusatio non petita è ok. Questo post è per parlare del logo.…
Qualcosa sull'incontro: Vinton Cerf e le terrazze romane
Grazie alla gentilezza di Padre Antonio Spadaro ho potuto partecipare all'incontro che si è tenuto a Roma alla splendida…
Qualcosa sull'incontro (virtuale e non)
L'uomo è fatto per l'incontro, si realizza nell'accostarsi all'altro uomo ─ R. Guardini Questo post nasce da uno scambio…

Progetti

Twitter

Altri miei blog

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Select - rassegna stampa
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation
  • Scrivo anche su

  • Pagina Tre - La rivista di Liber Liber, il progetto editoriale di Marco Calvo.
  • Autoblog - news e approfondimenti sul mondo dell'automobile.
  • Tiragraffi - Magazine sul mondo della comunicazione a cura di Valentina Cinelli.
  • Tech Economy - Il progetto di Stefano Epifani sui temi di economia e tecnologia.
  • Vino Nuovo - L'iniziativa di un gruppo di autori cattolici per un dibattito aperto sui temi cristiani.