Ragazza conturbante

Ragazza conturbante


 

E così ieri, finalmente, sono andato a vedere "La ragazza con l'orecchino di perla", forte della benaugurante premessa delle opinioni sullo sviluppo, in chiave cinematografica, del libro della Chevalier sul (quadro di) Vermeer. Sviluppo che, anticipo subito, mi sembra sia riuscito oltre le più rosee aspettative.

Partiamo dalla ricostruzione e dalla raffigurazione storica, che sono perfette. La Delft del '600 è lì, per le scene e per tutta una serie di particolari, la cura dei quali è, spesso, il discrimine tra un film storico riuscito e uno no. La fotografia e la cura storica, l'attenzione per le frasi, le movenze, i tratti, fanno effettivamente sì che lo spettatore "viva" dentro lo spaccato storico e ne colga gli aspetti più intrinseci: il risultato è quanto meno affacinante, visivamente quanto emotivamente. Sugli aspetti tecnici storiografici, c'è chi saprà senz'altro dirvi più di me, che non sono uno storico. Passo dunque subito a temi a me più cari..

Come non innamorarsi della splendida Griet? Scarlett Johansson, oltre che bellissima, è bravissima come attrice, nella intepretazione intensa che esprime. Durante la proiezione si soffre con lei, si partecipa con lei, si vive con lei. La tensione è presente in tutto il film, la lama che penetra i suoi sentimenti e le sue paure è forte ma nessuna parola viene detta, mai. La protagonista vive con lo sguardo, e nello sguardo dello spettatore si riverbera, come in un quadro. Lo sguardo E' il tema del film, come lo è del quadro e dell'opera del pittore fiammingo.
Ed ecco l'altro aspetto sublime: ogni fotogramma, ogni posizione, ogni scena è un quadro di Vermeer. La scelta tecnica delle luci, dei colori, della fotografia è eccezionale e anche se non sono un esperto, l'impianto del film è concepito come un unico gigantesco omaggio all'opera del pittore in modo così intenso che sembra di vivere nei suoi quadri, in una forma ineccepibile, eppure calda, presente.

Insomma, tecnicamente e storicamente perfetto, ma mai banale nè "freddo": un connubio difficile che gli autori sono invece riusciti a comporre nel migliore dei modi. Mi viene in mente il paragone con un'altra ricostruzione storica vicina, che in tv è passata poche settimane fa: i Promessi sposi. Ma lì tanto è assente il "gioco" di sguardi nei due protagonisti Renzo e Lucia, e in lei è addirittura tendente all'espressività del frigorifero, tanto in "La ragazza" il componimento di sguardi è invece vivo e pregno di significati, in ogni inquadratura. Merito dei protagonisti, senza dubbio, in primis della Johanssonn, ma anche del regista, un Peter Webber alle prime fortunate esperienze con la macchina da presa. Forse l'unico che abbassa il "tono" generale delle prove di attore, è il protagonista, Colin Firth, laddove il suo sguardo in questa prova, più che vivo è fisso. Peccato, ma questo non svilisce di molto l'insieme.

Infine, la protagonista volutamente principale è lei, "la fanciulla con turbante" alias la ragazza con l'orecchino di perla: il quadro è il capolavoro che conosciamo, che qui esce da una storia di sguardi e di passioni appena accennate eppure violentissime, splendido "sottofondo" ad una storia d'amore incompiuta..
E nel rispetto delle convenzioni sociali, in una Delft calvinista con minoranza cattolica, della quale Vermeer faceva parte, il finale non può che essere a quasi-lieto fine: l'amore e/o la famiglia, vincono sempre (non posso svelare troppo il finale, quindi basta così). Insomma non un capolavoro ma gradevole, da tutti i punti di vista, e da consigliare.

Il film termina con la scena finale del quadro: l'inquietante rassomiglianza con la protagonista è evidente.
Addio, Scarlett. Domani è un altro giorno (ma questo era un altro film...).

1 TrackBack

Licia Zappatore giovanissima pittrice di Valentano, arriva meritatamente sulla cronaca dei quotidiani locali, grazie alla sua partecipazione nell'allestimento e nella scenografia di un film, prossimamente in uscita nelle sale e già candidato agli Oscar... Read More


Add New Comment

comments powered by Disqus

2 Comments

Qualche notizia in più sulla pittrice italiana che ha realizzato le riproduzioni dei quadri di Vermeer, sul mio Blog; ora vedo anche se riesco a mettere il TrackBack... Quanto ad andare a vedere il film, beh, qui non è ancora uscito.

grazie per la segnalazione. Bravissima, si. :)

Movable Type platform comments
Benvenuto 54.211.27.61!
Sono un ingegnere informatico, ho insegnato nel Master in Comunicazione e new media all'Upra, e faccio consulenza e sviluppo con LGStudio. Ho fondato Beta e ITnews, scritto diverse guide (come si apre un blog, Facebook, ecc.), e sono stato technology visionary per TEDx ViadellaConciliazione.
contact Contattami o seguimi su Twitter @lucianog
Social
Google+ Slideshare Foursquare Wordpress.com Tumblr.com Quora   (more)
Follow me

Recent Entries

Dieci anni fa, papà
Sono passati dieci anni da quando te ne sei andato, papà. Tutto sommato, non moltissime cose sono cambiate da…
FCA è bellissimo. Anche perché non lo vedrà nessuno
Allora. Lungi da me difendere la Fiat. E l'excusatio non petita è ok. Questo post è per parlare del logo.…
Qualcosa sull'incontro: Vinton Cerf e le terrazze romane
Grazie alla gentilezza di Padre Antonio Spadaro ho potuto partecipare all'incontro che si è tenuto a Roma alla splendida…
Qualcosa sull'incontro (virtuale e non)
L'uomo è fatto per l'incontro, si realizza nell'accostarsi all'altro uomo ─ R. Guardini Questo post nasce da uno scambio…
La mia booklist e playlist 2013
  Ecco le mie top ten di libri e musica per l'anno che si sta concludendo. Qualcuno è del…

Progetti

Twitter

Altri miei blog

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Select - rassegna stampa
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation
  • Scrivo anche su

  • Pagina Tre - La rivista di Liber Liber, il progetto editoriale di Marco Calvo.
  • Autoblog - news e approfondimenti sul mondo dell'automobile.
  • Tiragraffi - Magazine sul mondo della comunicazione a cura di Valentina Cinelli.
  • Tech Economy - Il progetto di Stefano Epifani sui temi di economia e tecnologia.
  • Vino Nuovo - L'iniziativa di un gruppo di autori cattolici per un dibattito aperto sui temi cristiani.