Blogtiquette dei link: ma esiste?

Vorrei commentare un commento ad un mio post, perché mi ha colpito. Lo riporto qui:

Ribadisco che il linkare La Pizia e Selvaggia, nonchè affiliarsi a Google vale 400.000.000.000 di punti in meno (ed il counter si incrementa con il passare dei giorni). Anyway…visto che io cito spesso sia te sia Mantellni e nessuno di voi due ha mai: 1. linkato me 2. citato me 3. risposto ai miei commenti…direi che l’individuo in questione mi sta piuttosto simpatico.

L’autore è Wolverine, che ci ha dedicato perfino un post nel quale dichiara che io me “la tiro”. Mi viene da ridere.
Ma preferisco condividere un po’ di pensieri..
Wolverine è un blogger ed è un mio lettore, pensavo, affezionato. Forse è vero, non l’ho “degnato” di molte attenzioni ma non è comunque vero che non gli ho risposto ai commenti. E’ una delle poche abitudini buone che ho. Poi lo seguo volentieri (lui questo non lo sa), e comunque in questo periodo di attenzioni non ne ho molte..e vabbè.
Tentare di generalizzare il discorso, sebbene l’incipit vi possa far pensare che vorrei andare a parare da qualche parte, forse è fuori luogo. E forse no.
A me questi commenti mi fanno rimanere male. Seriamente: se davvero un blogger mi segue, mi commenta, mi cita e mi linka nei suoi permalink perché, prima o poi, si aspetta che io contraccambi con un commento, una citazione, un link? Stiamo definendo forse una sorta di economia dello scambio della blogosfera? Non mi piace per niente!
La realtà è che una persona, che posso essere io, trova interesse a scrivere e può essere contenta che qualcuno trova utile leggerla. E’ semplicistico, ma è così. Non ci sono secondi fini, da me. Se trovo interessante il blog di un’altra persona che mi legge, lo visito, altrimenti no. Sinceramente, non mi sento obbligato.
Se qualcuno, invece, pretende che io sia un blogger “modello” allora è proprio il caso di dire che io non sono il modello migliore.
Se mi piace Klipfolio lo adotto e ringrazio chi me l’ha segnalato, se non mi piace me ne frego e magari ci scrivo pure male. Sono umorale. Se trovo che Adsense possa tornarmi utile lo attivo, ma perché mai non dovrei “affiliarmi a Google”? E che è Google, una massoneria?
Ho Gmail perché ho comprato Blogger Pro a suo tempo. Ho creduto in Blogger Pro. Sono lungimirante? Boh. Ho fatto male? No, a quanto pare.
Mi sembra che a furia di parlare di blog stiamo perdendo di vista la loro essenza comunicativa. Il mezzo è il messaggio, diceva McLuhan. Mi sembra che ci stiamo credendo un po’ troppo.
Comunque non linko Selvaggia (anche perché non la visito mai, lo ammetto), linko La Pizia perché mi sta simpatica anche se non la conosco e la leggo pochissimo (ma con piacere) ma non pensavo proprio che creasse tutti questi problemi.
Leonardo, uno che la sa lunga, se ne deve essere accorto, perché ha tolto i link, per esempio. Comunque, come dice Mantellini, ci sono più blog visitati fuori dalla lista link che dentro, e questo si sapeva anche prima. Basta?

11 thoughts on “Blogtiquette dei link: ma esiste?”

Comments are closed.