Focus Group alla Regione Lazio: Smart Specialisation Strategy | Luciano Giustini

Focus Group alla Regione Lazio: Smart Specialisation Strategy


 

(Il post è stato aggiornato dalla sua pubblicazione)

palazzo-regione-lazio.jpg

Vi voglio mettere a parte di un'iniziativa positiva che, una volta tanto, ha per protagoniste le istituzioni - in particolare un ente pubblico, e un piccolo impegno che mi riguarderà presso la Regione Lazio.
Sono stato invitato ad entrare in un gruppetto di esperti, circa 20 persone a livello regionale, nell'ambito del progetto di formazione di un comitato di indirizzo per le aree di competenza dei distretti industriali e produttivi del Lazio. In particolare io sarò chiamato a intervenire per il settore dei Nuovi media. Insomma una bella sfida e un'ottima occasione di confronto!
A partire dai documenti operativi, dovremo riunirci per un Focus group, scambiandoci idee ed indicazioni per un risultato che opera sotto la direttiva europea S3 (Smart specialisation strategy), che è diventata mandatory per ogni livello Regionale europeo. Per il Lazio l'ente che si occupa di questo è la Filas, che gestisce la filiera dei finanziamenti e dei fondi strutturali alle imprese, e Invitalia,  Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa.

Di seguito qualche spiegazione in più sulla cosa (se avete la pazienza di leggere, il testo è un po' in burocratese).

Sono benvenute osservazioni, suggerimenti, critiche, domande nei commenti  o in email (Contatti)

P.S. Come promesso, il post è aggiornato con le slide del mio (breve) intervento.

Addendum. Sull'argomento si può leggere l'ottimo articolo di Michele Vianello Horizon 2020: cinque principi per superare una visione quantitativa della smart city

EU Inforegional policy

Smart Specialisation Strategy

Il concetto di Smart Specialisation Strategy (S3 o SSS) è stato elaborato a livello europeo e indica strategie d'innovazione - flessibili e dinamiche - concepite a livello regionale ma valutate e messe a sistema a livello nazionale con l'obiettivo di:
- evitare la frammentazione degli interventi e mettere a sistema gli sforzi in materia di sostegno all'innovazione,
- scoraggiare la tendenza a distribuire l'aiuto pubblico uniformemente rispetto ai settori produttivi senza tenere adeguato conto del loro posizionamento strategico e delle prospettive di sviluppo in un quadro economico globale,
- sviluppare strategie d'innovazione delle imprese e dei settori produttivi regionali legate alle filiere internazionali del valore.

Cosa comporta nel concreto e chi se ne occupa?
Il nuovo ciclo di programmazione della Politica di Coesione 2014-2020 prevede, come condizione ex ante per l'utilizzo delle risorse comunitarie, che le autorità nazionali e regionali mettano a punto strategie di ricerca e innovazione per la "specializzazione intelligente", al fine di consentire un utilizzo più efficiente dei fondi strutturali e un incremento delle sinergie tra le politiche comunitarie, nazionali e regionali.
Le Regioni di tutti gli Stati membri sono chiamate a redigere un documento che delinei, a partire dalle risorse e dalle capacità di cui dispongono, la propria Smart Specialisation Strategy, identificando i vantaggi competitivi e le specializzazioni tecnologiche più coerenti con il loro potenziale di innovazione e specificando gli investimenti pubblici e privati necessari a supporto della strategia e in particolare nelle attività di ricerca, sviluppo tecnologico e innovazione.
A tal fine l'impegno deve essere orientato a rafforzare il tessuto istituzionale e amministrativo locale, coinvolgere gli attori del territorio e valorizzare le esperienze già in corso, a partire dai risultati del precedente periodo di programmazione.

Quali attività sono previste a supporto della Smart Specialisation Strategy?
Al fine di accompagnare le Regioni nella definizione di strategie di specializzazione che rispondano alle richieste della nuova Politica di Coesione e agli obiettivi comunitari della Strategia Europa 2020, il Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e Coesione Economica (DPS) del Ministero dello Sviluppo Economico (MISE) ha promosso, in accordo con il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca (MIUR), il progetto "Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy)", gestito da Invitalia (Agenzia nazionale per l'attrazione degli investimenti e lo sviluppo d'impresa Spa).

L'obiettivo è supportare le amministrazioni regionali nel delineare e implementare la propria SSS attraverso: la creazione di un luogo di condivisione, a livello nazionale, delle esperienze in corso nelle Regioni e Province autonome; la composizione delle diverse iniziative di SSS, evitando le sovrapposizioni tra i diversi livelli di governo.

Più nello specifico, il progetto si pone l'obiettivo di:
- rafforzare il bagaglio di conoscenze delle Regioni su specifici ambiti settoriali e tecnologici prioritari;
- favorire la condivisione e diffusione di informazioni e buone pratiche relative alle politiche regionali di ricerca e innovazione;
- incentivare il coordinamento a livello nazionale del dibattito sulla programmazione, attuazione e valutazione delle politiche;
- migliorare la qualità della governance degli interventi e l'efficacia delle attività di valutazione e monitoraggio dei risultati.

Per raggiungere questi obiettivi, le attività di progetto prevedono l'accompagnamento delle Regioni nella definizione e attuazione delle SSS lungo un arco temporale di 20 mesi (Maggio 2013 - Dicembre 2014), attraverso:
- la realizzazione di incontri, giornate di lavoro e seminariali per approfondire temi specifici, condividendo conoscenze ed esperienze pratiche;
- la messa a disposizione di studi di settore e analisi statistiche ed economiche degli ambiti di specializzazione tecnologica regionale;
- la definizione di metodologie e strumenti comuni, con particolare, anche se non esclusivo, riguardo al tema del monitoraggio e della valutazione degli interventi;
- il coinvolgimento di alcune Regioni per il trasferimento di conoscenze e di buone prassi di particolare rilievo e interesse comune;
- la condivisione di informazioni pubbliche e documenti di lavoro interni al progetto in due aree distinte sul portale ResearchItaly.
 
La struttura organizzativa del progetto si compone di:
- un comitato di indirizzo composto da rappresentanti del MIUR, del MISE, di Invitalia e da esperti negli ambiti di interesse del progetto, che fornisce indirizzi strategici e metodologici per la definizione delle politiche regionali di ricerca e innovazione, sostenendone la coerenza a livello nazionale;
- un gruppo di lavoro tecnico, composto da esperti tematici, del DPS-MISE e di Invitalia, che, sotto la guida del comitato di indirizzo, sostengono le amministrazioni regionali nella fase di valutazione delle potenzialità di specializzazione dei territori e nella messa a punto della strumentazione necessaria per l'attuazione della strategia di specializzazione intelligente;
- una segreteria tecnica, che supporta il gruppo di lavoro nell'organizzazione delle attività.
 
L'interesse mostrato dalle amministrazioni regionali nelle passate edizioni ha evidenziato l'opportunità di proseguire a offrire supporto tecnico nella programmazione e attuazione delle politiche di ricerca e innovazione anche per il periodo 2014-2020 con il progetto in corso "Supporto alla definizione e attuazione delle politiche regionali di ricerca e innovazione (Smart Specialisation Strategy)"
(fonte: Cosa significa Smart Specialisation Strategy (S3)?)


Add New Comment

comments powered by Disqus
Movable Type platform comments
Chi sono in breve
Mi occupo di processi digitali sui social network (in particolare Digital clusters), e insegno in percorsi di approfondimento universitari su Web e nuovi media.
Social
+
Latest issue LGPost.com - Powered by Paper.li
Digital Clusters: How the Net is Marking Us

DigitCult

Recent Entries

Perché Anon è un piccolo capolavoro (e non è adatto per il cinema)
Dando per scontato che Netflix è una droga, nelle mie serate di preparazione a un esame mi è capitato…
Cambridge, abbiamo un problema (intrinseco)
A marzo del 2017 Michal Kosinski, uno psicologo e Ph.D di Cambridge, professore a Stanford di Organisational Behavior, presenta…
Bilancio di un anno (bello, faticoso e difficile)
✓ 1° Libro (in fase di correzione, ma ci siamo) ✓ 2ª Laurea (umanistica, la prima era tecnica)✓ 1° articolo…
La seconda laurea e l'insegnamento (da trarne)
Il 18 maggio ho conseguito la mia seconda laurea, in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria all'Università degli Studi…
Roma, o delle elezioni capitali
(post in aggiornamento) Come avevo scritto su Facebook, sto facendo una personale misurazione, senza alcuna pretesa scientifica, ma ad…

Twitter

Altri miei siti

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation