Cuore sacro | Luciano Giustini

Cuore sacro


 

Sono andato a vedere "Cuore sacro", l'ultimo film di Ferzan Ozpetek. Il regista era riuscito, con l'interessante "La finestra di fronte", nell'intento di bissare il successo (di critica e di pubblico) delle "Fate ignoranti". Ma in questo caso, a mio parere, subisce un'involuzione, forse scontata, forse no, nel tentativo di trattare un tema di religione e di spiritualità: un tema che conosce poco, e si vede. Fa purtroppo una gran confusione, sia teologica - il prete è poco credibile nelle sue considerazioni - sia soprattutto interpretativa: la "vera fede", secondo Ferzan, non è intesa come una grazia che unisce in legame spirituale l'uomo con Dio ma esclusivamente come moto dell'animo interiore, una visione quindi solo umanistica, senza intervento "dall'alto". Come si dice nel film: "Lui non sta nelle chiese, nelle moschee o nelle sinagoghe ma nella sofferenza degli ultimi". Una teoria interessante, ed anche vera, ma non propriamente completa.
Non si fa in tempo a rallegrarsi per la direzione fotografica e scenografica eccellente - come rende Roma lui non la rende nessuno!, che c'è un altro pasticcio a rovinare il lavoro: la deriva iconografica che prende forma dal secondo tempo fino alla fine, è quasi imbarazzante. Dalla (bravissima) Bobulova che inscena una moderna pietà di Michelangelo in poi, si invoca solo pietà per lo spettatore. Peccato, avevo sentore che Ferzan aveva fatto casino. Evidentemente (nel senso che se ne evidenzia dopo la visione) ha fatto sua la materia religiosa secondo il sentire di una personalità sensibile e attenta ai problemi del nostro tempo: in tal senso il film suscita emozioni forti, ma non basta per farne un film almeno accettabile per chi va oltre il contesto scenico. L'intepretazione della Bobulova è al di sopra di ogni sospetto. Colpiscono sia i suoi silenzi sia i suoi dialoghi. Anche qui, il finale è da dimenticare: S.Francesco si spogliò di tutti i suoi beni nel senso che rinunciò soprattutto al suo potere, non che si tolse il reggiseno come fa la Bobulova nella metro scimiottando i gesti del santo. :-)


Add New Comment

comments powered by Disqus

2 Comments

Commento intessante

Grazie. Detto da te, mi fa piacere ancora di più. :)

Movable Type platform comments
Ciao 54.198.77.35!
Chi sono: mi occupo di ricerca e studio sui social network, e insegno in percorsi di approfondimento universitari su Comunicazione e nuovi media.
Social
+
Latest issue LGPost.com - Powered by Paper.li
Digital Clusters: How the Net is Marking Us

DigitCult

Recent Entries

Perché Anon è un piccolo capolavoro (e non è adatto per il cinema)
Dando per scontato che Netflix è una droga, nelle mie serate di preparazione a un esame mi è capitato…
Cambridge, abbiamo un problema (intrinseco)
A marzo del 2017 Michal Kosinski, uno psicologo e Ph.D di Cambridge, professore a Stanford di Organisational Behavior, presenta…
Bilancio di un anno (bello, faticoso e difficile)
✓ 1° Libro (in fase di correzione, ma ci siamo) ✓ 2ª Laurea (umanistica, la prima era tecnica)✓ 1° articolo…
La seconda laurea e l'insegnamento (da trarne)
Il 18 maggio ho conseguito la mia seconda laurea, in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria all'Università degli Studi…
Roma, o delle elezioni capitali
(post in aggiornamento) Come avevo scritto su Facebook, sto facendo una personale misurazione, senza alcuna pretesa scientifica, ma ad…

Twitter

Altri miei siti

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation