The Day After Reloaded | Luciano Giustini

The Day After Reloaded


 

Locandina Penso che venerdì andrò a vedere questo: The Day After Tomorrow - L'alba del giorno dopo (di Roland Emmerich, 2004):

Le ricerche del climatologo Jack Hall indicano che il riscaldamento del globo terrestre potrebbe innescare un improvviso e catastrofico cambiamento del clima sul nostro pianeta. La conferma arriva quando iniziano a verificarsi in diverse parti del mondo eventi meteorologici inspiegabili. Mentre Hall è alla Casa Bianca per dare l'allarme, suo figlio Sam rimane intrappolato in una New York improvvisamente sotto zero. Lo scienziato si mette subito in viaggio per salvare ciò che ha di più caro, ma nemmeno lui è preparato ad affrontare ciò che lo attende.

(PS Il titolo è per chi ricorda il film del 1983 sui D-Day After)


Add New Comment

comments powered by Disqus

4 Comments

Ritenevo (a torto, a quanto pare) che dopo l'undici settembre, gli americani avessero perso il gusto di produrre film apocalittici, dove vengono proiettate le proprie città in una devastante distruzione.
E' come se in Italia, a partire dal 1948 avessero prodotto film a Cinecittà, dove mostrano il nostro Paese, le nostre città, i nostri concittadini, proiettati in una invasione militare, in una occupazione straniera devastante quanto lo fù l'occupazione nazi-fascista. Che poi tale orrore venga descritto non tramite un atto terroristico, ma da una catastrofe naturale, il senso non cambia di molto.
Evidentemente, gli americani amano vedersi attaccare da qualsiasi cosa, dentro casa propria per poi far arrivare il supereroe che salva tutti e tutto. Perché in fondo loro sono i buoni e gli altri sono brutti, sporchi e cattivi.
Non è forse questa, l'impronta filologica di tutta la cinematografia americana?
Alla fine i film finiscono sempre bene, i buoni vincono sempre, cioé gli americani. Che il nemico sia un terrorista (Die Hard), un esercito di alieni (Independence Day), o lo stravolgimento climatico (The Day After Tomorrow), alla fine vincono sempre loro.
Da noi invece, le cose funzionano diversamente: ringraziando Dio.

Beh penso che sia proprio l'ultima tua considerazione, forse, la chiave di lettura della produzione cinematografica apocalittica USA: il fatto che gli americani, alla fine, vincono sempre. E' una sorta di catarsi: loro passano per una battaglia epocale ma devono passarci per uscirne vincitori, oppure sconfitti ma sempre con una lezione morale, "americani state attenti sennò finiamo così". Parvenze di libertà.

Excellent, that was really well explained and helpful

access online casinos (online casino) tips

My friend told me about your web site and I really enjoyed it. Very nicely done. Very interesting!

Innovative Online Casino Assistant at Online Casinos

Movable Type platform comments
Chi sono in breve
Mi occupo di processi digitali sui social network (in particolare Digital clusters), e insegno in percorsi di approfondimento universitari su Web e nuovi media.
Social
+
Latest issue LGPost.com - Powered by Paper.li
Digital Clusters: How the Net is Marking Us

DigitCult

Recent Entries

Perché Anon è un piccolo capolavoro (e non è adatto per il cinema)
Dando per scontato che Netflix è una droga, nelle mie serate di preparazione a un esame mi è capitato…
Cambridge, abbiamo un problema (intrinseco)
A marzo del 2017 Michal Kosinski, uno psicologo e Ph.D di Cambridge, professore a Stanford di Organisational Behavior, presenta…
Bilancio di un anno (bello, faticoso e difficile)
✓ 1° Libro (in fase di correzione, ma ci siamo) ✓ 2ª Laurea (umanistica, la prima era tecnica)✓ 1° articolo…
La seconda laurea e l'insegnamento (da trarne)
Il 18 maggio ho conseguito la mia seconda laurea, in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria all'Università degli Studi…
Roma, o delle elezioni capitali
(post in aggiornamento) Come avevo scritto su Facebook, sto facendo una personale misurazione, senza alcuna pretesa scientifica, ma ad…

Twitter

Altri miei siti

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation