Wikipedia giorno 1 | Luciano Giustini
(Qui una volta era tutto Instagram.)

Wikipedia giorno 1


 

Mi sono iscritto a Wikipedia, per dare il mio contributo all'enciclopedia universale e libera. Lo consiglio a tutti. D'altro canto, ne avevo criticato l'impostazione, e quando si critica, è buona norma conoscere di cosa si sta parlando. Quindi mi sono avventurato, e ne ho colto invece le enormi potenzialità e l'importanza di questo progetto.

Ora, io provengo da un'altra struttura, Open Directory, che come Wikipedia, forse in modo meno drammatico e meno complesso, si occupa di sviluppare una categorizzazione su base volontaria del materiale online più significativo. Pensavo, mi troverò bene anche su Wikipedia.

L'impatto però è stato ben diverso. Le difficoltà iniziano anche solo per capire come muoversi, il che è poco bello. Mi immagino, tanto per fare un esempio, cosa penserebbe un povero utente normale che volesse contribuire senza esperienza informatica, se mi trovo male io che ho più di un decennio di informatica e collaborazioni online alle spalle. Da ieri sera sto girando per pagine di ogni foggia e contenuto, che oltre a spiegare in infinite parole cos'è e cosa non è Wikipedia, cosa si può fare e cosa non si può fare, rimandano ad altre pagine in un continuo susseguirsi di definizioni, di parole, di cariche, di incarichi, di eccezioni, di utenti con i nomi più strani, dotati di più o meno autorizzazioni, di poteri, di registri di cancellazioni, di scomuniche, di modifiche, e chi più ne ha più ne metta, in un rimando di contenuti e di struttura paragerarchica al cui confronto l'organizzazione burocratica delle istituzioni europee mi msembra impallidire.

La prima cosa che ho fatto è cercare di fare qualcosa di apparentemente neutrale e semplice, come ad esempio aggiungere un mio voto ad una secondaria pagina online di cui si discute la cancellazione. Ho letto le istruzioni, mi sono documentato (il settore è il mio: religione) ho aggiunto la mia riga, e la firma. Dopo qualche ora il mio voto era cancellato. Motivazione: "Voto non valido: 1 solo edit -".

Eh? E che vordì?

La mia impressione a caldo è che ci sia qualcosa di ben poco intuitivo nella struttura, ma forse ciò è dovuto alla novità di un metodo di controllo e modifica che non mi appartiene, che forse dopo un certo apprendistato diventa più usabile. Ora mi metterò d'impegno, cercando di fare qualcosa di utile. (Sono andato a vedere la voce Dio, per curiosità).


Add New Comment

comments powered by Disqus

6 Comments

Adesso (non so se su tua protesta) c'è scritto vicino a "vota"
(se sei un utente registrato ed hai fatto più di 50 edit, per i dettagli vedi le regole per la cancellazione).
Se vuoi il problema è che invece che "edit" ci vorrebbe "contributi"...
(Ah, ci sarebbe anche un progetto per rifare tutte le pagine di aiuto)

O mamma, e questo che significa? Che devo inserire più di 50 contributi prima di poter dire la mia con un voto su qualsiasi pagina? E' peggio di quel che pensassi. :))

L'alternativa sarebbe avere decine di finti utenti creati solo per votare a favore di una voce messa da loro, non mi pare il caso.
D'altronde oggi che non ho fatto molto ho 13 edit :-)

beh ma infatti la procedura di iscrizione è TROPPO semplice, realmente. Di fatto, chiede solo username e una password, ci vuole un attimo per chiunque per registrarsi. Su altri sistemi l'accounting per le modifiche richiede ben piu' dati e ... vabbe'.
Ma quindi edit non e' solo contribuire con contenuti, ma anche modificare qualcos'altro giusto?

edit è una qualunque modifica, anche semplicememnte correggere un accento. Vista la lentezza usuale di wikipedia, si riesce comunque a fare poco, però.

a me non sembrò così difficile, wikipedia.

Movable Type platform comments
Chi sono
Mi occupo di processi digitali sui social network, e insegno in percorsi universitari su comunicazione e nuovi media. Coorganizzatore (2013) di TEDx ViadellaConciliazione, consulente Web con LgStudio.
Social
+
Newsletter


TinyLetter Privacy Policy

DigitCult
Digital Clusters (How the Net is Marking Us), DigitCult, vol. 2, no. 3, 49-62 (2017)

Ultimi post

La mia Booklist 2018 > Libri per il nuovo anno
L'anno scorso scrivevo il bilancio di un anno bello e denso di avvenimenti importanti, mentre il 2018 è stato…
Perché Anon è un piccolo capolavoro (e non è adatto per il cinema)
Dando per scontato che Netflix è una droga, nelle mie serate di preparazione a un esame mi è capitato…
Cambridge, abbiamo un problema (intrinseco)
A marzo del 2017 Michal Kosinski, uno psicologo e Ph.D di Cambridge, professore a Stanford di Organisational Behavior, presenta…

Twitter

Altri miei siti

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation