A proposito dell'offerta 10% Eni (e di quanto paghiamo di luce) | Luciano Giustini

A proposito dell'offerta 10% Eni (e di quanto paghiamo di luce)


 

Come molti, in casa si è ricevuta l'offerta dell'Eni che, a chi ha già la fornitura Gas, consente di ottenere uno sconto del 10% sulla luce a chi passa a Eni anche per tale utility (entro il 12/1/09). Mi sono preso la briga di fare due conti, nel postprandiale (quindi tutto passibile di errore), per capire se conviene o meno, ed ho scoperto alcune cose interessanti che forse possono essere utili a qualcun altro..

Qualche considerazione ed alcuni dati:

a) Lo sconto è sulla quota energia della bolletta luce, che corrisponde al 65% circa della bolletta. Poi ci sono le quote fisse, imposte e la quota potenza, sul cui importo no sconti. Quote "fisse" in realtà variabili, a seconda del contatore che avete o della residenza: se avete un contatore fino a 3 KW ne pagate poche (e questo lo sanno bene quelli che devono combattere ogni giorno nella decisione di tenere acceso ad es. lo scaldabagno OPPURE il forno elettrico, a fronte però di una bolletta inferiore), mentre se superate questa potenza o non avete la residenza (le due condizioni mi sembra si equivalgano alla fine, vedi punto d) pagate molto di più di quote fisse e ovviamente consumate anche di più. Dall'esperienza fatta (noi provammo a passare al contatore da 4,5 KW) la bolletta aumenta di un buon 35%. Che non è poco.

b) Si può scegliere tra monoraria o bioraria. Nel primo caso la fascia è unica e si chiama F0 ed è quella che hanno tutti di default. Nel secondo caso, ci sono le due fasce F1 e F23, dalle 8 alle 19 e dalle 19 alle 8, con la seconda ovviamente meno costosa.
Attenzione però: per questo ci vuole un contatore in grado di registrare il consumo orario e quindi uno elettronico. L'Enel ne ha installati gratuitamente diversi, ma non tutti ce l'hanno, anzi. Non so se il gestore lo installa gratuitamente o meno, e quando. Sul contratto c'è solo scritto che la tariffa bioraria viene conteggiata solo dal momento in cui c'è un contatore elettronico, senza specificare altro.
Qui c'è peraltro un dato da tenere in considerazione: siccome la tariffazione è "fissata" cioè tiene conto di un consumo prefissato del 35% in F1 e del 65% in F23, se uscite in minor costo per più del 1 % circa da questa ripartizione di consumo, la bioraria non conviene più. Tra l'altro secondo me non è tantissima la differenza in ogni caso, perché dalle stime il risparmio sembra contenuto (tra l'1 ed il 5%), ma magari mi sbaglio.

c) Eni ha un'opzione che si chiama Consumo Piatto: in pratica, tu guardi quanto hai consumato nell'anno precedente, e lo scrivi nel contratto. Eni si impegna a darti bollette tutte uguali per l'anno successivo, evitando i "picchi", cioè evitando di mandarti una bolletta altissima se per un motivo qualunque in un mese hai fatto 3 volte tanto di consumi. Ovviamente, l'anno successivo la differenza verrà conteggiata, o spalmata sulle 6 bollette (o 12 se il consumo supera una certa soglia) o in altri modi, da contratto o definibili con Eni. In ogni caso non mi sembra disprezzabile: in generale è raro che ci siano enormi differenze di consumo, mentre può essere comodo "contare" su una bolletta sempre uguale nell'arco di un anno senza sorprese. In ogni caso se non ricordo male, qualora si ecceda il 33% del consumo pattuito, Eni ti avvisa con qualche mezzo.


d) La sorpresa delle tariffe. Qui entra in gioco l'Autorità per l'Energia elettrica e il Gas. La prima cosa da sapere, per fare i conti, è il proprio consumo annuo. Lasciando da parte il tariffario Eni, sono andato sul sito loro ed ho scoperto alcune cose curiose: a questa pagina potete vedere le tariffe per utenza domestica. Da quanto si evince, ad esempio per una tariffa 3 KW, monoraria base, residente, la fascia di maggior costo (0,26-0,27 euro/KWh) è - guarda tu il caso - proprio la fascia di maggior consumo. In altre parole, se consumi veramente pochissimo (fino a 1800KWh/anno) paghi pochissimo, ma se stai in mezzo (la famiglia tipo si calcola consumi 2700 KWh/anno) paghi la tariffa più alta di tutte. Bello vero? Va bene che poi vanno considerate le suddivisioni di livello (scaglioni) però il discorso vale lo stesso.
La cosa forse sorprendente è che se si supera il consumo medio e si va oltre 4440 KWh/anno, si torna a pagare di meno. Probabilmente questo però si spiega col fatto che è ben difficile consumare così tanto col contatore da 3 KW (anche perché scatta al raggiungimento del picco di carico che mi sembra sia 3,3 per due ore continuative, se non sbaglio).
Una cosa da osservare è che se si sceglie di montare un contatore maggiore da 3 KW - e a quel punto non interessa più al gestore se si installa da 4,5 KW o da 15 KW! - la quota energia è la meno cara in assoluto (mi sembra di sentire qualcuno dire "Ma come, più consumi meno paghi!"...). Le imposte sono in proporzione molto più alte, però una volta superata la soglia di 3 KW, si paga una tariffa fissa di 0,17, 0.18 circa a seconda dei mesi.

Ora manca solo da confrontare le tariffe dell'authority con quelle dell'Eni..

1 TrackBack

M’ILLUMINO DI MENO 2009 Giornata del Risparmio Energetico - 13 febbraio 2009 - Per il quinto anno consecutivo Caterpillar lancia per il 13 febbraio 2009 , la grande giornata di mobilitazione internazionale in nome del risparmio energetico. Do Read More


Add New Comment

comments powered by Disqus

3 Comments

se non ho letto male le tabelle di energia.it, le tariffe sono a scaglioni, un po' come le tasse. Quindi i primi KW/h li paghi poco (probabilmente perché in fascia sociale), quelli successivi li paghi di più fino al valore medio, quelli ancora oltre li paghi di meno perché lì sei un Grande Consumatore e ti fanno lo sconto.

Si, è vero. Avevo accennato la cosa definendola "livelli" (perché se non sbaglio c'è scritta una frase del genere sulla bolletta di mia madre).
Il grosso limite del tutto, secondo me, più che le tariffe, è che, sopra la fatidica soglia del 3 KW, le quote fisse triplicano o anche più (imposte, etc). La tariffazione di fatto incide proporzionalmente al consumo, la quota fissa ti stronca.

La mia è una piccola azienda a conduzione familiare, e mi è stata fatta da eni la propost di cambiare gestore per la fornitura elettrica attualmente enel energia, il mio contatore è a 15 kw. Mi conviene passare ad eni secondo voi?

Movable Type platform comments
Ciao 54.198.221.13!
Laureato in Ingegneria informatica e in Scienze dell'Informazione e Comunicazione (LM-19), mi occupo di processi digitali sui social media. Insegno in percorsi di approfondimento in Comunicazione e nuovi media all'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum e all'Università di Tor Vergata. Ho fondato la rivista telematica Beta e l'agenzia di notizie IT News, sono stato technology visionary in TEDxViadellaConciliazione, e faccio consulenza con LG Studio.
Contattami o seguimi su Twitter @lucianog!
Social
+

Powered by MailChimp - Articles and selected news.

 

Recent Entries

La seconda laurea e l'insegnamento (da trarne)
Il 18 maggio ho conseguito la mia seconda laurea, in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria all'Università degli Studi…
Roma, o delle elezioni capitali
(post in aggiornamento) Come avevo scritto su Facebook, sto facendo una personale misurazione, senza alcuna pretesa scientifica, ma ad…
Qualcosa sull'automobile: dal diesel(gate), alle alternative a idrogeno ed elettrico
(Il post è stato aggiornato dopo la pubblicazione) (foto: l'algido ed inetto - dal punto di vista comunicativo -…
L'incontro tra due Grandi della storia
L'incontro tra due Grandi, due rivoluzionari, ognuno a suo modo. In questi anni di trasformazione (per me) ho capito che…
Papa Francesco e i suoi binari comunicativi tra innovazione ed equilibrio
Di fronte alle continue critiche rivolte da alcuni miei amici "cattolici" (o gattolici come si evince da una peculiare…

Twitter

Altri miei blog

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation