Un Portatile / 2 | Luciano Giustini

Un Portatile / 2


 

La società mi ha dato un portatile nuovo HP. Felicità.

C'è Windows Vista.

Ah.

Con Aero. E' Vista Business.

Però.

Con le trasparenze, le finestre in 3D.

Bellino.

Quasi. E' come XP. Bisogna adattarsi un po' e poi trovi tutte quelle idiosincrasie che mamma Microsoft ti ha abituato ad amare, senza le quali ti senti perso. O peggio, un possessore di Macbook.

Non ha prezzo, aver scoperto ad esempio che C:\Programmi non esiste più. Vista è un altro affascinante viaggio nelle menti contorte degli ingegneri di Redmond. Viene rimappato da sistema in C:\Program Files che è il path fisico, ma tu continui a vedere C:\Programmi. Che ardita metafora. Si vede che a forza di cambiare il nome della directory di installazione dei programmi per le varie lingue, succedeva un casino. Ogni release è sostanzialmente un gigantesco fix che non finisce mai.

Il bello di ogni volta, è capire cos'hanno nascosto in più rispetto alla versione precedente (perché evidentemente si vergognano, di mostrare tutti gli exe o le dll da Windows NT 3.51 in poi continuano ad esistere come piccole tracce di un passato glorioso - ed è un peccato, perché NT era un signor S.O., a livello di progettazione).

La parola d'ordine di Vista potrebbe essere laissez faire: sempre meno comandi diretti manuali e sempre più quello stile "Cosa vuoi fare oggi? Per caso lanciare un programma? Ma era ieri che volevi leggere quel documento? Occhio, che non è protetto.." tanto caro a zio Bill...

Comunque, quantomeno, nell'installazione automatica adesso la partizione la formatta di default in NTFS e non in quella zozzeria di FAT32 come il predecessore. Son cose.


Add New Comment

comments powered by Disqus
Chi sono
Mi occupo di processi digitali sui social network, e insegno in percorsi universitari su comunicazione e nuovi media. Coorganizzatore (2013) di TEDx ViadellaConciliazione, faccio consulenza per il web.
Social
+
Newsletter


TinyLetter Privacy Policy

DigitCult
Digital Clusters (How the Net is Marking Us), DigitCult, vol. 2, no. 3, 49-62 (2017)

Ultimi post

La mia Booklist 2018 > Libri per il nuovo anno
L'anno scorso scrivevo il bilancio di un anno bello e denso di avvenimenti importanti, mentre il 2018 è stato…
Perché Anon è un piccolo capolavoro (e non è adatto per il cinema)
Dando per scontato che Netflix è una droga, nelle mie serate di preparazione a un esame mi è capitato…
Cambridge, abbiamo un problema (intrinseco)
A marzo del 2017 Michal Kosinski, uno psicologo e Ph.D di Cambridge, professore a Stanford di Organisational Behavior, presenta…

Twitter

Altri miei siti

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation