Nel grande silenzio | Luciano Giustini

Nel grande silenzio


 

Giovedì scorso sono andato a vedere Il Grande Silenzio, il film documentario sui monaci certosini. La vita all'interno della grande Chartreuse, il gigantesco monastero nelle Alpi francesi vicino Grenoble, è scandita dalla loro regola suprema, che prevede il distacco più assoluto dal mondo e la solitudine totale. Ci si vede solo per pregare, o nella Domenica e le feste.

Credevo che non esistessero ancora sempliciotti del genere, ma è stato comunque motivo di crassa risata, per me e per il mio amico compagno di merende filosofico-teologiche, constatare che almeno una fila completa (messi in ordine) di straziati spettatori se n'è andata visibilmente contrariata o tra risolini di stolta ilarità a metà del film.

Non ce la facevano più. Infatti, il film si intitola così perchè sono più di due ore e mezzo di quasi silenzio. E' il silenzio della vita dei monaci, per i quali lo spazio tempo è un concetto relativo. La mediazione cinematografica è esplicitamente inesistente, senza commento, talmente inesistente da far desistere chi non è preparato (o, semplicemente, non informato).

Ora, per riequilibrare andrò a vedere il film tratto dalle Particelle elementari di Houellebecq - il link è al libro, con molti interventi interessanti nei commenti. Emerge la tesi, registrata nei temi autoriali (da uno dei quali è tratto il film), che la civiltà occidentale è giunta ad un punto di non ritorno. Tesi affascinante, senz'altro.
Tempo fa un mio amico mi raccontava che un amico di suo padre, alto dirigente della FAO, qualche anno fa si è ritirato in un monastero ed ha abbandonato tutto. Perché, diceva, oramai l'uomo ha superato il punto di non ritorno nell'utilizzo delle riserve della Terra.


Add New Comment

comments powered by Disqus

1 Comment

Grazie del post, vorrei andarlo a vedere. Ho letto una splendida intervista con l'autore di recente, cercavo giusto il sito ufficiale :)

Movable Type platform comments
Chi sono in breve
Mi occupo di processi digitali sui social network (in particolare Digital clusters), e insegno in percorsi di approfondimento universitari su Web e nuovi media.
Social
+
Latest issue LGPost.com - Powered by Paper.li
Digital Clusters: How the Net is Marking Us

DigitCult

Recent Entries

Perché Anon è un piccolo capolavoro (e non è adatto per il cinema)
Dando per scontato che Netflix è una droga, nelle mie serate di preparazione a un esame mi è capitato…
Cambridge, abbiamo un problema (intrinseco)
A marzo del 2017 Michal Kosinski, uno psicologo e Ph.D di Cambridge, professore a Stanford di Organisational Behavior, presenta…
Bilancio di un anno (bello, faticoso e difficile)
✓ 1° Libro (in fase di correzione, ma ci siamo) ✓ 2ª Laurea (umanistica, la prima era tecnica)✓ 1° articolo…
La seconda laurea e l'insegnamento (da trarne)
Il 18 maggio ho conseguito la mia seconda laurea, in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria all'Università degli Studi…
Roma, o delle elezioni capitali
(post in aggiornamento) Come avevo scritto su Facebook, sto facendo una personale misurazione, senza alcuna pretesa scientifica, ma ad…

Twitter

Altri miei siti

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation