All'arrembaggio miei Prodi | Luciano Giustini

All'arrembaggio miei Prodi


 

La politica è l'arte del possibile. Ma Prodi ne sta collezionando tante, di frasi ironiche. Quando dice "nella coalizione decido io cosa fare" a me fa sempre un po' sorridere. Chi, come lui, è un leader di coalizione senza partito, può anche voler fare cose bellissime (e non ne dubito, a parole), ma tecnicamente dovrebbe valutare l'ipotesi che poi i partiti - quelli veri - le cose non gliele fanno fare, che quando si mettono di traverso sappiamo bene quali bastoni fra le ruote e quali obblighi possono imporre, a sinistra come a destra. Mentre le promesse, quelle si, sono possibilissime.
Il fatto è che il provero Professore ce la sta mettendo tutta per non far passare quella che più che un sospetto è una certezza: la sua portanza serve per vincere le elezioni. Poi, il possibile è dietro l'angolo.

1 TrackBack

Non sai se votare Prodi o Berlusconi? Non capisci se sei Rosso, Rosa, Azzurro o Nero? C'è un sito che spopola in questi giorni su internet che te lo dirà al volo! Compreso l'indicazione sul partito che più si avvicina... Read More


Add New Comment

comments powered by Disqus

2 Comments

Sante parole, Luciano, sante parole. Prodi non si rende conto di quanto la sua stessa corrente lo stia usando letteralmente. Certamente lui, in quanto moderato, sta mettendo "una pezza" come si dice a Roma in ogni momento ma mi sembra che c'è poco da illudersi, la sinistra rimane sempre sinistra (scusa il gioco di parole).

Aggiungo, tanto perché stiamo in tempi di par condicio, che anche a destra la situazione è molto simile, anche se non simmetrica. Berlusconi deve mettere pezze continuamente per tenere a freno situazioni scandalose come quelle della Destra Estrema. Anche lì, se non tecnicamente, è perlomeno teoricamente presente una tale manfrina di posizioni e imposizioni che poi diventa molto difficile fare del buon governo, e il premier conterà solo fino ad un certo punto. Forse più di Prodi, questo si.

Movable Type platform comments
Chi sono in breve
Mi occupo di processi digitali sui social network (in particolare Digital clusters), e insegno in percorsi di approfondimento universitari su Web e nuovi media.
Social
+
Latest issue LGPost.com - Powered by Paper.li
Digital Clusters: How the Net is Marking Us

DigitCult

Recent Entries

Perché Anon è un piccolo capolavoro (e non è adatto per il cinema)
Dando per scontato che Netflix è una droga, nelle mie serate di preparazione a un esame mi è capitato…
Cambridge, abbiamo un problema (intrinseco)
A marzo del 2017 Michal Kosinski, uno psicologo e Ph.D di Cambridge, professore a Stanford di Organisational Behavior, presenta…
Bilancio di un anno (bello, faticoso e difficile)
✓ 1° Libro (in fase di correzione, ma ci siamo) ✓ 2ª Laurea (umanistica, la prima era tecnica)✓ 1° articolo…
La seconda laurea e l'insegnamento (da trarne)
Il 18 maggio ho conseguito la mia seconda laurea, in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria all'Università degli Studi…
Roma, o delle elezioni capitali
(post in aggiornamento) Come avevo scritto su Facebook, sto facendo una personale misurazione, senza alcuna pretesa scientifica, ma ad…

Twitter

Altri miei siti

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation