Steve, la Mela e la Rosetta | Luciano Giustini
Attenzione! Questa è una versione archiviata e non aggiornata del sito. Per visualizzare la versione corrente passa per la Homepage, grazie.

Steve, la Mela e la Rosetta


 

Ieri Steve Jobs ha presentato la rivoluzione informatica dell'ultimo lustro (non sono sarcastico): i Mac gireranno su Intel. Fantastico, penseranno alcuni. Orrore, penseranno altri. A me, che ho sempre usato processori Intel fin da quando avevano una frequenza di 4,77 MHz, dà un brivido paragonabile all'accensione della fiammella del gas.

Comunque, pur non sapendone molto del mondo dei computer bianco latte dalle fighissime icone colorate, dagli sfondi superbellissimi, dal mouse mono-tasto (e dalla linea di comando inesistente - fino a qualche anno fa) non posso non constatare che, come scrive un arrabbiato Giorgio Baresi, questo continuo cambio di strategia commerciale lascia gli utenti Apple giusto in quell'attimo di "Ma cosa ca##o li ho spesi a fare tutti sti soldi che ricambia tutto?".
Noi inteliani che ci lamentiamo di Microsoft e Intel, ridiamo sotto i baffi.

In ogni caso, mi fa molto piacere leggere che i nuovi Mac-Intel andranno da 2 a 3 volte più veloci dei precedenti modelli. Certo, va riscritto tutto il software, prodotto il codice "Universal", e per ora i programmi dovranno girare su un emulatore PPC-Intel ("Rosetta", ah, i fantastici nomi di Apple), per non tacer del fatto che gli sviluppatori dovranno produrre versioni doppie dei programmi per anni (una per PPC, una per Intel), ma vuoi mettere la figata...di poter poi farci girare Windows? :-D


Add New Comment

comments powered by Disqus
Chi sono
Mi occupo di processi digitali sui social network, e insegno in percorsi universitari su comunicazione e nuovi media. Coorganizzatore (2013) di TEDx ViadellaConciliazione, consulente Web LgStudio.
Social
+
Newsletter


TinyLetter Privacy Policy

DigitCult
Digital Clusters (How the Net is Marking Us), DigitCult, vol. 2, no. 3, 49-62 (2017)

Ultimi post

La mia Booklist 2018 > Libri per il nuovo anno
L'anno scorso scrivevo il bilancio di un anno bello e denso di avvenimenti importanti, mentre il 2018 è stato…
Perché Anon è un piccolo capolavoro (e non è adatto per il cinema)
Dando per scontato che Netflix è una droga, nelle mie serate di preparazione a un esame mi è capitato…
Cambridge, abbiamo un problema (intrinseco)
A marzo del 2017 Michal Kosinski, uno psicologo e Ph.D di Cambridge, professore a Stanford di Organisational Behavior, presenta…

Twitter

Altri miei siti

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation