Meglio non dimenticare | Luciano Giustini

Meglio non dimenticare


 
Sindrome dei Balcani, nuova vittima italiana

E' il caporale Fabio Senatore, di 24 anni, napoletano. Rientrato da una missione in Kossovo era stato ricoverato all'ospedale di Pavia

PAVIA - Ancora un soldato morto per linfoma di Hodgkin, un tumore maligno del sistema linfatico ormai tristemente noto come «sindrome dei Balcani». La vittima è il caporale Fabio Senatore, di 24 anni, napoletano: dopo essere stato in missione nei Balcani, era stato ricoverato a Pavia, «dove si era recato per cure, in cerca di un ennesimo trapianto per combattere la malattia contratta in Kosovo dall'uranio impoverito», come ha dichiarato Domenico Leggiero, responsabile dell'Osservatorio Militare. L'ipotesi che i proiettili all'uranio impoverito e quindi la contaminazione dei militari siano l'origine dellla morte dei soldati non è mai stata ufficialmente accertata. Ma per le famiglie e perchi si sta occupando di questi casi, come l'Osservatorio militare, i dubbi sono pochi o addirittura inesistenti.

TRE MISSIONI - Fabio Senatore aveva fatto tre missioni nei Balcani. L'ultima, ha detto Leggiero, un anno fa, quando «è rientrato con la malattia ormai conclamata, e accertata, nel suo caso come in tutti gli altri casi di linfoma di Hodgkin tra i soldati, da medici civili e mai dai medici militari». Senatore, ha aggiunto Domenico Leggiero, «era della stessa estrazione e in amicizia con altri come Luca Sepe e Antonio Milano», militari napoletani di Cardito morti rispettivamente nel 2004 e nel 2002, «tutti in missione nei Balcani, tutti con linfoma di Hodgkin, tutti con l'illusione di essere assistiti e invece abbandonati». «È un tragico bollettino - ha commentato Leggiero - che va sempre più crescendo: con Senatore le vittime sono 40, e 300 i malati per uranio impoverito».

(fonte: Corriere della Sera)

Incidentalmente, tra le cose contestate dai manifestanti contro la linea ad alta velocità Torino-Lione c'è proprio l'estrazione di materiali inquinanti, tra cui alcuni componenti dell'uranio.

LA PROTESTA - I manifestanti erano un centinaio, con bandiere su cui campeggia la scritta «No Tav»: «Ci hanno distribuito dei volantini - ha raccontato una giovane passeggera - in cui si manifestano i motivi della protesta». In essi i «No Tav» ripetono i timori per la salute degli abitanti della Valle e per l' ambiente derivanti dalla costruzione della linea ad alta velocità: «Saranno estratti - scrivono fra l' altro - 16 milioni di metri cubi di di materiali pericolosi, contenenti amianto, e costruite 26 discariche»

(fonte: Corriere della Sera)


Add New Comment

comments powered by Disqus

2 Comments

Nonostante i morti e i malati è ancora forte la reticenza dei vertici militari nel dare supporto alla commissione d'inchiesta che deve indagare sulle morti
http://www.unita.it/index.asp?SEZIONE_COD=HP&TOPIC_TIPO=&TOPIC_ID=45628

Aldo

Non si dovrebbero nemmeno dimenticare però tutte le vittime della sindrome dei balcani, fra la popolazione civile residente in kosovo e macedonia. Tanti giovani sono morti con la sola colpa di essere nati o di vivere in quelle zone. Ciao F.

Movable Type platform comments
Ciao 54.145.124.143!
Laureato in Ingegneria informatica e in Scienze dell'Informazione e Comunicazione (LM-19), mi occupo di processi digitali sui social media. Insegno in percorsi di approfondimento in Comunicazione e nuovi media all'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum e all'Università di Tor Vergata. Ho fondato la rivista telematica Beta e l'agenzia di notizie IT News, sono stato technology visionary in TEDxViadellaConciliazione, e faccio consulenza con LG Studio.
Contattami o seguimi su Twitter @lucianog!
Social
+

Powered by MailChimp - Articles and selected news.

 

Recent Entries

La seconda laurea e l'insegnamento (da trarne)
Il 18 maggio ho conseguito la mia seconda laurea, in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria all'Università degli Studi…
Roma, o delle elezioni capitali
(post in aggiornamento) Come avevo scritto su Facebook, sto facendo una personale misurazione, senza alcuna pretesa scientifica, ma ad…
Qualcosa sull'automobile: dal diesel(gate), alle alternative a idrogeno ed elettrico
(Il post è stato aggiornato dopo la pubblicazione) (foto: l'algido ed inetto - dal punto di vista comunicativo -…
L'incontro tra due Grandi della storia
L'incontro tra due Grandi, due rivoluzionari, ognuno a suo modo. In questi anni di trasformazione (per me) ho capito che…
Papa Francesco e i suoi binari comunicativi tra innovazione ed equilibrio
Di fronte alle continue critiche rivolte da alcuni miei amici "cattolici" (o gattolici come si evince da una peculiare…

Twitter

Altri miei blog

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation