Vicini all'auto-combustione | Luciano Giustini

Vicini all'auto-combustione


 

La temperatura esterna oggi a Roma, ore 13:

28072005.jpg


Ed ecco la differenza di temperatura impostata tra dentro e fuori:

28072005(001).jpg


Che dà l'idea: 20 gradi di differenza (teorici). C'era gente che si sentiva male per strada, e non stento a crederlo. :-(

Normalmente, ci si aggira intorno ai 35, quando fa molto caldo. E non c'è vento.


Add New Comment

comments powered by Disqus

8 Comments

Tenere tutta quella differenza di temperatura - a parte l'aumento del calore buttato verso fuori, lo spreco di energia, ecc. ecc. - fa anche male alla salute. La cosa veramente importante è togliere l'umidità: anche 28 gradi secchi sono un sollievo.

Mau, io tengo SEMPRE 21 gradi in auto, indipendentemente da fuori. Eventualmente in alcuni giorni passo a 22, se non mi dà fastidio. Invece 21 gradi sono la norma, quando fuori fa così caldo. Se tenessi ad esempio 28 gradi, morirei di caldo dentro: provato. Certamente l'umidità fuori è altissima, se fosse minore, sarebbe diverso. Ma si sa Roma è molto umida.

Ma che auto è?

La mia Golfina (IV) 1.6 di cui sono felice utente:-)

appunto. Un condizionatore *toglie* umidità, no? Se io dovessi andare dentro e fuori con venti gradi di gradiente, starei peggio di come sto adesso.

Si certo, ma tu non fai i conti con le condizioni reali e le caratteristiche dell'impianto (Climatronic VW). :) Dentro l'auto, la temperatura *non* è 21 gradi, bensì molto più alta. Quella è la temperatura alla quale l'impianto, ottimisticamente, tenta di tenere le bocchette d'aria e il sensore vicino al cruscotto. Ovviamente la temperatura media nell'abitacolo è superiore, a spanna credo minimo di 5-7 gradi.

L'abbassamento di umidità invece è commisurato al lavoro richiesto al compressore per abbassare la temperatura, che utilizza un quantitativo di liquido adeguato, ed è quindi percepibile con quel senso di benessere di cui dicevo.

Un climatizzatore *perfetto* per tenere a 21 gradi un abitacolo di medie dimensioni come quello di una Golf dovrebbe far uscire il gelo dalle bocchette e comunque far girare l'aria mediante piccoli ventilatori, per creare correnti di convezione, oppure prevedere molte (ma molte) più bocchette di uscita. In realtà per ragioni progettuali ciò è poco praticabile. Solo le Lancia Thesis, che mi risulti, hanno una bocchetta che copre tutta la larghezza della plancia anteriore, soluziione che trovo in tal caso eccellente.

io vivo in un mondo felice fatto di: ventisei gradi di aria condizionata all'interno, venticinque dentro la macchina e, nei casi disperati, c'è il mare.

l'estate perfetta. :-)

Ciao Luciano,
ho messo online il mio ultimo prodotto: un cms per creare siti web aziendali. Quando hai tempo gli dai un'occhiata e mi dici cosa te ne sembra? Ho aperto un periodo di Betatester per iniziare a ricevere un pò di feedback.

URL: http://www.sitonline.it

Grazie
fabio aka uomonero

Movable Type platform comments
Ciao 54.225.36.143!
Laureato in Ingegneria informatica e in Scienze dell'Informazione e Comunicazione (LM-19), mi occupo di processi digitali sui social media. Insegno in percorsi di approfondimento in Comunicazione e nuovi media all'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum e all'Università di Tor Vergata. Ho fondato la rivista telematica Beta e l'agenzia di notizie IT News, sono stato technology visionary in TEDxViadellaConciliazione, e faccio consulenza con LG Studio.
Contattami o seguimi su Twitter @lucianog!
Social
+

Powered by MailChimp - Articles and selected news.

 

Recent Entries

La seconda laurea e l'insegnamento (da trarne)
Il 18 maggio ho conseguito la mia seconda laurea, in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria all'Università degli Studi…
Roma, o delle elezioni capitali
(post in aggiornamento) Come avevo scritto su Facebook, sto facendo una personale misurazione, senza alcuna pretesa scientifica, ma ad…
Qualcosa sull'automobile: dal diesel(gate), alle alternative a idrogeno ed elettrico
(Il post è stato aggiornato dopo la pubblicazione) (foto: l'algido ed inetto - dal punto di vista comunicativo -…
L'incontro tra due Grandi della storia
L'incontro tra due Grandi, due rivoluzionari, ognuno a suo modo. In questi anni di trasformazione (per me) ho capito che…
Papa Francesco e i suoi binari comunicativi tra innovazione ed equilibrio
Di fronte alle continue critiche rivolte da alcuni miei amici "cattolici" (o gattolici come si evince da una peculiare…

Twitter

Altri miei blog

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation