Un capolavoro | Luciano Giustini

Un capolavoro


 


"Ci sono russi dappertutto!"

Un film magnifico..

Certo, per chi va a vedere boiate come "Manuale d'amore", "Litigi d'amore", o addirittura seguire cose come "Amici" in tv, un film realista e asciutto come questo può essere un buon consiglio. Un ottimo film storico, che aiuta a rivivere in modo corretto eventi tanto importanti per la memoria collettiva.

La realtà descritta dal film sono 2 ore e mezza di tensione, la stessa tensione che fu vissuta negli ultimi 12 giorni di vita di Hitler e del Terzo Reich nel bunker della Cancelleria a Berlino, a partire dal 20 Aprile 1945, giorno del compleanno del Fuhrer.
Il film è la rappresentazione di qualcosa che è avvenuto realmente, raccontata dalla segretaria che visse quei giorni, mediata, filtrata minimamente dal regista e dagli attori. Bravissimo il regista, il tedesco Oliver Hirschbiegel, a rendere la sensazione storica di assedio anche esistenziale ("l'Occidente dovrebbe aiutarci!") da parte degli odiati russi.

Il film è incentrato sul suicidio. Singolo, collettivo, di massa. Il suicidio come "soluzione finale", come scelta. Il suicidio esplicitato nei particolari, nei dettagli, il dottore spiega come non sbagliare, senza retorica.

Non si spiega, invece, la polemica che ha investito, in patria e fuori, il film, accusato di rappresentare un Adolf Hitler "troppo umano". Come dice Kezich, "Cosa dovevano fare il regista e l'attore Bruno Ganz (le cui straordinarie somiglianza e bravura sono da rimarcare)? Raffigurarlo con il pugnale tra i denti e le mani lorde di sangue, quando tutti i testimoni lo ricordano come persona gentile, sommessa, premurosa? In tal modo, ammise la segretaria Traudi Junge, si conquistava la stima e la fedeltà dei collaboratori."

Insieme agli altri attori, fanno un masterpiece.


Add New Comment

comments powered by Disqus

2 Comments

Bello il commento, anche io andrò a vedere il film. Ne avevo già sentito parlare in Germania, mentre lo stavano girando. Le tue parole mi hanno ricordato quanto, terribilmente, Hitler doveva essere veramente convinto delle sue crudeli assurdità, del tipo "i nazisti sanno c ome vivere perché sanno come morire". Sempre,in mezzo, l'idea della morte invece che quella della vita. In questi momenti in cui tutti tendono ad allontanarsi dalla realtà, questo film dovrebbe essere veramente compreso.
Un saluton

Ciao Claudia! Spero che ti piacerà, ma è comunque un film molto crudo, ci sono delle scene raccapriccianti ed alcune molto tristi, come ad esempio quando uccidono i bambini. Ma è da vedere, sicuramente: per me sono state 2 ore e passa di tensione, nonostante tutto. Si, l'idea della morte è presente in tutto il film esattamente come un "rendering" del nazismo.

Movable Type platform comments
Ciao 54.224.102.26!
Laureato in Ingegneria informatica e in Scienze dell'Informazione e Comunicazione (LM-19), mi occupo di processi digitali sui social media. Insegno in percorsi di approfondimento in Comunicazione e nuovi media all'Ateneo Pontificio Regina Apostolorum e all'Università di Tor Vergata. Ho fondato la rivista telematica Beta e l'agenzia di notizie IT News, sono stato technology visionary in TEDxViadellaConciliazione, e faccio consulenza con LG Studio.
Contattami o seguimi su Twitter @lucianog!
Social
+

Powered by MailChimp - Articles and selected news.

 

Recent Entries

La seconda laurea e l'insegnamento (da trarne)
Il 18 maggio ho conseguito la mia seconda laurea, in Scienze dell'informazione, della comunicazione e dell'editoria all'Università degli Studi…
Roma, o delle elezioni capitali
(post in aggiornamento) Come avevo scritto su Facebook, sto facendo una personale misurazione, senza alcuna pretesa scientifica, ma ad…
Qualcosa sull'automobile: dal diesel(gate), alle alternative a idrogeno ed elettrico
(Il post è stato aggiornato dopo la pubblicazione) (foto: l'algido ed inetto - dal punto di vista comunicativo -…
L'incontro tra due Grandi della storia
L'incontro tra due Grandi, due rivoluzionari, ognuno a suo modo. In questi anni di trasformazione (per me) ho capito che…
Papa Francesco e i suoi binari comunicativi tra innovazione ed equilibrio
Di fronte alle continue critiche rivolte da alcuni miei amici "cattolici" (o gattolici come si evince da una peculiare…

Twitter

Altri miei blog

  • luciano's Tumblr - small pics and quick quotes
  • lucianogiustini.Wordpress.com - metablog
  • Parole di Vita - pensieri spirituali
  • Belle parole - letture di blog quotidiani
  • Nosce - pillole di psicologia
  • The Morning Express - early day reflections
  • LGpost.com - content curation